Comune di Cosenza

La campagna di vaccinazione nell'Azienda Ospedaliera al centro della commissione sanità. Audizione del dottor Pellegrino che ha chiesto di portare i risultati a conoscenza della Conferenza dei Sindaci

Duomo
Città di Cosenza
Notizie
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
.
La campagna di vaccinazione nell'Azienda Ospedaliera al centro della commissione sanità. Audizione del dottor Pellegrino che ha chiesto di portare i risultati a conoscenza della Conferenza dei Sindaci
un momento della commissione sanità con il dottor
12-02-2021

I soddisfacenti risultati della campagna di vaccinazione portata avanti nell’Azienda ospedaliera di Cosenza per i medici, il personale sanitario e quello amministrativo e per i dipendenti delle ditte che assicurano i diversi servizi nell’Ospedale dell’Annunziata, sono stati illustrati in una seduta della Commissione consiliare sanità, presieduta dalla consigliera Maria Teresa De Marco, che ha ospitato l’audizione del dottor Roberto Pellegrino, Dirigente medico dell’Unità Operativa Complessa Prevenzione e Protezione Ambientale dell’ospedale dell'Annunziata di Cosenza e referente delle vaccinazioni per la stessa azienda ospedaliera, subentrato al compianto dottor Lucio Marrocco. Il dottor Pellegrino, accompagnato dal dottor Gianluca Filice, ha ripercorso le diverse tappe della campagna di vaccinazione avviata il 27 dicembre del 2020, in occasione del cosiddetto vax day, data storica nella lotta al covid-19. Ad introdurre la seduta è stata, al solito, la Presidente della commissione Maria Teresa De Marco che ha insistito sull’importanza della vaccinazione, invitando la popolazione a sottoporsi alla somministrazione del vaccino. “Il vaccino – ha sottolineato - può riaccendere la speranza ed è l’unica arma possibile che abbiamo a disposizione, oltre alle accortezze che dobbiamo seguire, come il distanziamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione, per combattere e neutralizzare la pandemia. Un plauso particolare De Marco ha indirizzato al lavoro svolto dal dottor Pellegrino per il modello che è riuscito ad implementare nell’azienda ospedaliera e che la Presidente della Commissione sanità ha auspicato possa essere anche utilizzato ed esportato su tutto il territorio. Siamo particolarmente orgogliosi – ha detto De Marco – di poter annoverare tra i medici del nostro Ospedale delle vere e proprie eccellenze”.  Subito dopo è intervenuto il dottor Pellegrino che ha ricordato le notevoli difficoltà dell’inizio, superate con il massimo dell’impegno “grazie al quale – ha detto -  siamo riusciti ad organizzare la campagna vaccinale all’Azienda Ospedaliera. Dal 2 gennaio, 7 giorni su 7 – ha ricordato ancora Pellegrino - presso l’Azienda Ospedaliera sono state adibite alle vaccinazioni due strutture interne: la sala prelievi e il centro trasfusionale diretto dal dottor Francesco Zinno. Il target è costituito da tutti i dipendenti, 1653 operatori sanitari (tra medici, infermieri, Oss, ma anche personale amministrativo e tecnico) unitamente al personale delle ditte che svolgono attività e garantiscono i servizi più diversi all’interno dell’azienda ospedaliera (dai servizi di pulizia al servizio di lavanderia, al servizio di riparazione delle strumentazioni chirurgiche, ecc.). Se ai 1653 tra operatori sanitari ed altro personale dell’Azienda Ospedaliera, aggiungiamo – ha proseguito Pellegrino - i 580 dipendenti delle varie ditte, si arriva a un totale di più di 2200 persone. Allo stato attuale 1921 di queste hanno già ricevuto la prima dose e 1666 anche la seconda. Il cronoprogramma prevede che intorno al 20 di febbraio le vaccinazioni anti covid siano completate. La somministrazione del vaccino – ha aggiunto il dottor Pellegrino -è assicurata dall’impegno di un pool di 19 medici (tra internisti, immunologi, cardiologi e specialisti in malattie infettive) che si dedicano a questo compito. Abbiamo creato una cornice di sicurezza per tutte le diverse tipologie di pazienti, cercando di intervenire anche sull’aspetto psicologico che è poi quello che maggiormente li condiziona facendo prevalere la preoccupazione o una certa esitanza a sottoporsi alla somministrazione del vaccino”. Il dottor Pellegrino ha chiesto espressamente alla commissione sanità di farsi parte attiva nei confronti della Conferenza dei Sindaci dell’Asp affinché il modello che è stato seguito per organizzare e portare a termine il Piano delle vaccinazioni nell’Azienda ospedaliera venga portato a conoscenza del territorio, proprio attraverso i primi cittadini. Pellegrino ha inoltre ricordato che accanto al pool di medici direttamente impegnato nelle vaccinazioni ci sono anche i farmacisti. “Nel pool– ha aggiunto - abbiamo inserito anche il servizio di farmacovigilanza che, come riferito dalla responsabile dello stesso servizio, dottoressa Rossana Ritacca, si adopera 12 ore al giorno per raccogliere i dati, ma anche per fornire supporto psicologico, rassicurando i pazienti”. Il dottor Pellegrino ha fornito qualche dato anche relativamente alle segnalazioni di eventi avversi dopo la somministrazione del vaccino, rilevando la presenza di alcuni effetti collaterali (sintomi assai fugaci) che scompaiono presto e che sono da ricondurre anche ad un effetto di stimolazione del sistema immunitario. La conclusione cui è giunto il dottor Pellegrino è che “non vaccinarsi non è la migliore delle soluzioni e, tenendo conto del rapporto costi-benefici, è di gran lunga meglio la vaccinazione”. Pellegrino ha insistito anche sulla necessità di continuare a fare i tamponi “perché è necessario individuare i cosiddetti portatori sani che veicolano la malattia. Tutte le persone vaccinate – ha aggiunto – saranno poi sottoposte al test sierologico per verificare se hanno sviluppato i titoli anticorpali. C’è stata grande attenzione nel creare la cornice di sicurezza all’interno dell’Ospedale. La sala prelievi rappresenta la location ideale dove vaccinare, con 2 postazioni dedicate alle visite prevaccinali, 3 sale d’attesa che consentono l’osservazione prevista, 1 sala dove vengono preparati i vaccini, 2 centri di somministrazione con 2 infermieri e un’altra unità del personale addetta alla registrazione dei dati”. Alla commissione ha preso parte anche il dottor Gianluca Filice che affianca il dottor Pellegrino nella campagna vaccinale all’interno dell’Azienda ospedaliera. “Ciò che è stato fatto nell’azienda ospedaliera– ha detto il dottor Filice – è un buon lavoro ed è anche il segnale che quando ci si mette il cuore e la scienza i risultati non tardano ad arrivare. Ci siamo dedicati a questo compito in continuità con il lavoro eccellente che aveva iniziato il dottor Marrocco e che noi intendiamo proseguire nel solco da lui tracciato. Abbiamo il dovere di sottoporci alla vaccinazione perché il vaccino è un’arma fondamentale per la prevenzione”. Nel corso della commissione sono intervenuti alcuni consiglieri comunali. La consigliera Francesca Cassano ha sollecitato soluzioni per procedere prima possibile alla vaccinazione della categoria degli insegnanti e per predisporre un piano per tutte le fasce d’età. Apprezzamento per il lavoro fin qui svolto è stato espresso dal consigliere comunale Carmelo Salerno che ha lodato l’operato dei medici e del personale sanitario impegnato nella campagna vaccinale all’interno dell’azienda ospedaliera. “I medici e tutto il personale sanitario – ha detto Salerno- sono la vera panacea per sconfiggere la pandemia”. Apprezzamento anche da parte del consigliere Francesco Cito che ha sottolineato l’ottima organizzazione e che, in apertura di seduta, ha ricordato l’encomiabile lavoro svolto in precedenza da parte del compianto dottor Lucio Marrocco. “Sapere che nel nostro Ospedale i medici e il personale sanitario sono vaccinati – ha poi detto il consigliere Damiano Covelli, intervenuto subito dopo- è motivo di tranquillità e serenità”. Covelli ha, però, rivolto al dottor Pellegrino e al dottor Filice una precisa domanda per sapere quando saranno chiamati ad essere vaccinati i comuni cittadini, lamentando l’assenza di un piano vaccinale in questa direzione. Covelli ha invocato una “tempistica la più veloce possibile”. E a questo proposito ha sollecitato la convocazione della Conferenza dei Sindaci, non solo per dare un’informativa ai primi cittadini, ma anche perché i Sindaci possano stimolare il commissario straordinario alla sanità della Regione Calabria a provvedere con immediatezza.

  

 

Autore: Giuseppe Di Donna

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

norma cossetto
04-03-2021 -
La commissione consiliare urbanistica, presieduta dal consigliere comunale Massimo Lo Gullo, ha approvato ....
il consigliere vincenzo granata
01-03-2021 -
La problematica dell'abbandono dei rifiuti sul suolo pubblico è stata ancora una volta al centro di una ....
il consigliere massimiliano battaglia
02-02-2021 -
La Commissione Cultura di Palazzo dei Bruzi, presieduta dal consigliere comunale Massimiliano Battaglia, ....
maria teresa de marco
27-01-2021 -
Solidarietà è stata espressa dalla commissione consiliare welfare, presieduta dalla consigliera comunale ....
la commissione sanità di questa mattina
23-12-2020 -
Un invito a partecipare ad una commissione consiliare sanità, aperta al pubblico ed alla stampa, o comunque ....
- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - IBAN - Fatturazione Elettronica - IBAN - Dichiarazione di accessibilità

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.