Home Page » Patti di collaborazione

Patti di collaborazione

Cosa sono I patti di collaborazione?

I patti di collaborazione sono accordi con i  quali  cittadini attivi, associazioni, comunità religiose, comitati di quartiere, scuole, enti del Terzo Settore, (art. 55 del CTS) e  il Comune di Cosenza individuano beni urbani sui quali avviare interventi di rigenerazione e riqualificazione e progetti di gestione condivisa per la loro cura.

Da qui la ridenominazione di “Bene comune urbano”.

I Patti si fondano sull'impegno e la responsabilità delle parti coinvolte nello svolgimento delle attività.

La  collaborazione è disciplinata dal Regolamento attualmente vigente per l’amministrazione condivisa dei beni comuni e dai relativi patti di collaborazione.

Cosa sono i beni comuni urbani?

Sono beni materiali e immateriali che i cittadini possono proporre di prendere in cura, sia che appartengano al Comune di Cosenza o a soggetti privati, se il proprietario dà il suo consenso.

Sono beni comuni materiali le aree verdi, aiuole, giardini, strade, piazze, luoghi di transito, installazioni sportive, beni confiscati alla mafia e aree dismesse, monumenti.

Sono beni comuni immateriali ad esempio la formazione, lavorazione siti web, convegni ecc.

Come si attivano i patti di collaborazione?

  1. I cittadini e le cittadine possono proporre l'attivazione del patto compilando il modulo scaricabile a fondo pagina e fornendo tutti i dati e le informazioni richieste agli indirizzi qui di sotto elencati;
  2. indirizzi di recapito:
  • posta tradizionale e consegna mano - Protocollo Generale, Piazza E. Cenisio, 87100, Cosenza;
  • posta certificata (PEC) – comunediciosenza@superpec.eu;
  1. la proposta non comporta obblighi e vincoli da parte dell'amministrazione nei confronti dei proponenti fino all'eventuale firma del patto di collaborazione dettagliato.
  2. l’Amministrazione, tramite manifestazione di interesse, può individuare un bene comune da gestire insieme alla cittadinanza.

L’amministrazione si riserva di valutare la proposta chiedendo, onde necessario, eventuali modifiche e integrazioni.

Regolamento

Modulo proposta patto