Comune di Cosenza

Il sindaco Occhiuto sul Centro di valorizzazione della cultura rom: "Sarà video sorvegliato e ci vivrà solo chi segue le regole"

Palazzo della provincia
Cittā di Cosenza
Notizie
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
.
Il sindaco Occhiuto sul Centro di valorizzazione della cultura rom: "Sarà video sorvegliato e ci vivrà solo chi segue le regole"
villagio rom 2
03-08-2012

“A esser sincero non mi aspettavo queste rimostranze preventive da una Cosenza che nella sua storia può vantare battaglie di civiltà e di apertura allo straniero. Una città tollerante e solidale come spesso viene ricordata. Credo dunque che sulla questione del campo rom stia passando un messaggio sbagliato che necessita di chiarezza per evitare ulteriori strumentalizzazioni e approcci non corretti a quella che è l’effettiva linea seguita dall’Amministrazione”.
Il sindaco Mario Occhiuto, in virtù delle recenti polemiche politiche e delle preoccupazioni dei residenti di via Popilia e di Casali, interviene sulla questione della comunità rom e del trasferimento obbligato su un terreno poco distante dalle sponde del fiume Crati, dove la sosta/residenza è da anni ad alto rischio per le famiglie che vi si sono stabilite.
In questo senso, Occhiuto ha tracciato un percorso preciso: “Il Centro di valorizzazione della cultura rom, videosorvegliato, sorgerà a una manciata di metri da quello abusivo ai margini del fiume che è sempre stato estremamente pericoloso, in una zona che sarà recintata per proibire ennesimi stanziamenti. I cittadini cosentini devono vedere nella scelta della nuova sede una maggiore opportunità e garanzia – rassicura il Sindaco – perché, tanto per cominciare, la prossima area di stanziamento insiste nei pressi di quella attuale. I rom, in sintesi, sono sempre stati lì, non siamo noi a portarli, ma siamo noi a preoccuparci di pensare a migliori condizioni di vita per loro e per i cosentini. Il Comune firmerà un Protocollo con la stessa comunità rom che prevede il divieto di accattonaggio, il divieto di prostituzione e l’obbligo di scolarizzazione. La sicurezza sarà certamente maggiore, con un maggiore controllo sulla salute pubblica e con regole precise che a mio avviso allontaneranno i malintenzionati e chi non vive seguendo le leggi, perché appare ovvio che, dati questi presupposti, i soggetti che delinquono sceglieranno di vivere altrove. Vorrei ricordare – precisa ancora il primo cittadino – che è dal 2009, e dunque da quando al governo di Cosenza c’era anche il consigliere comunale Marco Ambrogio, proprio lui che oggi presenta un’interrogazione al riguardo, che esiste un provvedimento di sequestro del campo rom di Vaglio Lise, da parte della Procura della Repubblica, e che tale provvedimento di sequestro è stato poi integrato con quello successivo del 2 marzo 2010 in cui la Procura della Repubblica identifica competenze e compiti specifici per i diversi Enti”.
A tal proposito, occorre evidenziare che nel provvedimento giudiziario integrativo del 2010 a cui fa riferimento il sindaco Mario Occhiuto, la Procura incaricava la Provincia, ovvero l’istituzione di competenza gestionale per il suolo demaniale, di occuparsi della rimozione dei rifiuti presenti sull’area, dell’immediato abbattimento delle baracche e di realizzare ogni opportuna iniziativa diretta ad impedire nuovi insediamenti abusivi. Compiti del Comune, invece, tutti rispettati e adempiuti fin dal primo giorno di lavoro dell’esecutivo Occhiuto, erano il censimento delle persone presenti sull’area, l’attuazione di ogni opportuna misura per assicurare assistenza ai minori verificandone l’assolvimento degli obblighi di vaccinazione e di quelli scolastici, il garantire l’assistenza sanitaria necessaria a prevenire il rischio di insorgenza di malattie infettive e la rimozione degli allacciamenti abusivi alla rete idrica.
“Il mio debutto politico-amministrativo alla guida della città – conclude Mario Occhiuto – ha riguardato interventi immediati al campo di Vaglio Lise, dotando la comunità rom di docce e bagni, privilegiando i diritti umani e la tutela dell’igiene pubblica. E’ noto, comunque, che certe problematiche ci precedessero. L’Amministrazione si è sempre fatta carico di ogni possibile azione di supporto all’emergenza senza fare scarica barile fra Enti, ma oggi è più che mai necessaria un’assunzione di reciproche responsabilità per affrontare la questione con spirito di condivisione e per approdare a una soluzione definitiva”.
 

Autore: Iole Perito

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

sede welfare 3
09-09-2020 -
Riprende in presenza l’attivitā dello sportello informativo gestito dalla Cooperativa Sociale Promidea ....
conferenza stampa NEETtezza urbana
07-09-2020 -
Le cittā di Cosenza e Napoli impegnate insieme per costruire opportunitā per i giovani NEET (non studenti, ....
giochi alla Cittā dei Ragazzi
13-08-2020 -
Il settore welfare del Comune ha pubblicato, in pre informazione, l'avviso per l'assegnazione del fondo, ....
solidarietā alimentare
29-07-2020 -
Il Comune di Cosenza ha pubblicato l'avviso per l'erogazione di misure di sostegno e solidarietā in favore ....
solidarietā alimentare
24-07-2020 -
L’Amministrazione comunale di Cosenza, dopo aver aderito con delibera di giunta all’iniziativa ....
la consegna dei computer
30-06-2020 -
Comincia a prendere forma il progetto dell'Amministrazione comunale di aprire a breve un punto informatico ....
sede welfare 3
26-06-2020 -
Sono 321 le domande accolte dal settore welfare del Comune di Cosenza a seguito della pubblicazione dell'avviso ....

Eventi correlati

Data: 14-05-2015
Luogo: Parco "Corrado Alvaro" - via Aldo Moro
Data: 15-08-2013
Luogo: Ten Teleuropa network
- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - IBAN - Fatturazione Elettronica

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.