Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2004

Uno spettacolo dell'indimenticato Enzo Costabile in scena al Cinema Teatro Italia

06 nov 2004
(6/11) (UfficioStampa) -
“Perché se fosse una scommessa sarebbe un sogno”. E’ questo il titolo di uno spettacolo di e per Enzo Costabile, indimenticato giornalista cosentino, che sarà portato in scena alle 20.30 di domenica 14 novembre sul palcoscenico del Cinema Teatro Italia di Cosenza.
Lo spettacolo, che ha come sottotitolo “parole e musiche dell’utopia”, vedrà impegnati tutti gli artisti che con Enzo Costabile erano soliti collaborare: Mario Artese (voce e chitarra battente), Sergio Artese (percussioni); Lutte Berg (Chitarra fretless e chitarra batteria), Franco Caccuri (Basso), Paola Dattis (Voce), Fabio Lizzani (batteria), Checco Pallone (chitarra classica e tamburi a cornice) Giuseppe Pallone (mandola), Fabio Pepe (flauto); gli attori Alessandra Romeo (Quartiere due) e Lindo Nudo (Teatro Rossosimona); Delia Bruno (immagini) e Barbara Costabile (documentazione).
Lo spettacolo, prodotto anche con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Cosenza, è uno dei tanti a cui ha dato vita Costabile nella sua collaborazione politico-culturale con il Collettivo Dedalus e con il gruppo teatrale Quartiere Due.
“Lo spettacolo che il ‘suo’ gruppo presenta – è scritto in una brochure dedicata all’avvenimento – è l’omaggio a Enzo scrittore col tramite delle sue stesse parole… non soplo e non tanto perché egli è autore e poeta, ma perché la sua arte veicola oggi e per sempre la sua irripetibile presenza umana: balsamo alle ferite emotive, monito di una inesausta vigilanza etica che tocca a noi proseguire nell’avventura quotidiana del viver, ponte di comunicazione fra chi rimane e chi si è allontanato”.