Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2004

Giro d'Italia della solidarietà

18 nov 2004
(18/11) (UfficioStampa) - Farà tappa a Cosenza domenica prossima 21 novembre il primo giro d’Italia della solidarietà,l’iniziativa promossa dall’Associazione di volontariato internazionale LVIA per diffondere tra i cittadini, la società civile, il mondo imprenditoriale e le amministrazioni pubbliche il messaggio della campagna “Acqua è vita” al fine di affermare il diritto all’acqua nei paesi del Sud del mondo.
Il giro d’Italia della solidarietà è partito da Genova il 14 ottobre scorso e si concluderà a Cesenatico il prossimo 11 dicembre.
In Piazza dei Bruzi, alle ore 10,00 di domenica 21 novembre, è previsto l’arrivo del camper dell’Associazione di volontariato internazionale con i responsabili dell’iniziativa Emanuele Banfi e Gianfranco Cattai che provvederanno a divulgare materiale informativo sull’iniziativa e a promuovere la raccolta di fondi collegata alla campagna di solidarietà.
Banfi e Cattai parteciperanno quindi alla conferenza stampa, prevista per le ore 11,00 nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, alla presenza del Sindaco Eva Catizone e dell’assessore al welfare Giovanni Serra, per illustrare le finalità della campagna di sensibilizzazione.
Alle ore 12,00 partirà, invece, sempre da Piazza dei Bruzi, il circuito cittadino di ciclismo amatoriale che attraverserà la città passando per Viale Trieste, Via Vittorio Veneto, Via Roma, Piazza Loreto, Via Caloprese, Piazza Europa, Via Panebianco e Viale Parco per poi concludersi davanti al Centro commerciale “I due fiumi”.
Oggi il 20% dell’umanità non ha accesso all’acqua pulita. Obiettivo della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Acqua è vita” è quello di contribuire all’impegno di dimezzare entro il 2015 il numero delle persone che non hanno accesso ad una fonte d’acqua potabile e a servizi igienici adeguati e di raccogliere fondi per la lotta contro la sete in Africa al fine di costruire sistemi idrici in 9 paesi africani.
GLI ORGANI DI INFORMAZIONE SONO INVITATI A PARTECIPARE