Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2004

Ambrogio soddisfatto dei lavori consiliari: "Con i Boc si concretizza il programma"

20 nov 2004
(20/11) (UfficioStampa) - Esprime la propria soddisfazione di amministratore l’assessore alle Politiche urbanistiche e ai lavori pubblici Franco Ambrogio, all’indomani dei lavori del Consiglio comunale.
“Al di là delle polemiche pretestuose e prive di fondamento che ci sono state, il dato reale e inoppugnabile è che l’Amministrazione comunale va avanti e riesce a realizzare i propri programmi.
Le decisioni assunte dal Consiglio comunale, con l’approvazione dei BOC sia per la rinegoziazione di vecchi mutui che per finanziare nuove opere, costituiscono operazione politica importante oltre che un valido strumento per migliorare la situazione finanziaria del Comune.
In particolare, è dato di novità assoluta il fatto che si riesca a completare il programma dei lavori pubblici per l’anno in corso, risultato non ricorrente nelle esperienze amministrative comunali e che vede invece l’Amministrazione Catizone raggiungere obiettivi concreti per la città.
Le opere finanziate riguardano in buona parte periferie, frazioni e centro storico sia per bisogni primari come le fognature, sia per la valorizzazione del patrimonio storico in luoghi come Santa Chiara o Palazzo Vaccaro o i ponti di S. Francesco e della Massa. Egualmente rilevanti sono la realizzazione della Casa famiglia a Donnici, la maggiore sicurezza nella viabilità, la manutenzione e l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle scuole.
Sono tutte opere che incidono sulla vita quotidiana dei cittadini, migliorandone la qualità complessiva.
L’Amministrazione continua con serenità e convinzione a muoversi lungo il percorso che è stato delineato nella convention di ottobre e che vedrà nei prossimi mesi tappe significative nell’inizio delle opere fondamentali sulle quali il Consiglio si è espresso positivamente.
E’ questo il terreno sul quale ci piace misurarci e farci giudicare, non certo quello delle polemiche strumentali che interessano solo chi le pone in essere.”