Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2004

Costituito il forum cosentino di Agenda 21

23 dic 2004
(23/12) (UfficioStampa) - È stato istituito ufficialmente a Cosenza il Forum di Agenda 21, il programma sottoscritto nel 1992 da 178 Paesi alla Conferenza ONU di Rio De Janeiro e finalizzato alla realizzazione di un modello di sviluppo sostenibile per il XXI secolo.L'assessore alle Politiche Femminili, Felicita Cinnante, ha spiegato gli obiettivi del Forum nel corso del primo incontro tenutosi ieri sera all'ex stazione di Piazza Matteotti."Innanzitutto - ha detto l'assessore - si procederà ad una ricognizione sul livello di vivibilità di Cosenza e sullo stato dell'ambiente, prendendo in considerazione problemi legati all'inquinamento acustico, ambientale, nonché difficoltà sul piano sociale". L'Amministrazione Comunale, all'interno delle proposte degli Enti Locali Italiani per gli impegni da portare ad Aalborg 10, ha selezionato tre obiettivi prioritari: la mobilità sostenibile, l'utilizzo delle risorse e i consumi, la sicurezza e la coesione sociale.Il Forum si suddividerà in tre sottogruppi, ognuno dei quali focalizzerà la sua attenzione su di un obiettivo, per evidenziarne le criticità ed elaborare, con l'aiuto di esperti, un piano di azione da presentare alle istituzioni.L'iniziativa, finanziata dal PSU, è aperta, come hanno spiegato l'assessore e Leo Acri, dirigente dell'Ufficio Europa, ai rappresentanti della società civile organizzata, dalle associazioni culturali alle organizzazioni sindacali, dagli ordini professionali ai Comuni dell'area urbana.Sostenibilità e partecipazione sono i due principi fondamentali su cui poggia Agenda 21. "I portatori d'interesse - ha continuato la Cinnante - devono sentirsi protagonisti, insieme alle amministrazioni, dei processi di sviluppo locale. L'obiettivo è incidere sugli stili di vita e sulle abitudini errate di cittadini e amministratori, al fine di ridurre gli sprechi, l'inquinamento e i problemi legati all'integrazione e alla coesione sociale"."La strada del dialogo da noi scelta - ha concluso - è la più difficile, ma la sperimenteremo insieme a voi. È essenziale ascoltare la voce dei cittadini, condividere le scelte e sapere di lavorare in vista di obiettivi comuni". Tanti i soggetti interessati presenti, che hanno avanzato proposte ed espresso il loro apprezzamento per l'iniziativa. A breve inizierà a lavorare il sottogruppo dedicato ai problemi connessi alla mobilità.Sarà attivo inoltre presto all'Info Point lo sportello di Agenda 21.