Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2004

Nuovi sensi unici nella zona di piazza Riforma

07 gen 2004
Scatteranno da domani alcune modifiche riguardanti la circolazione veicolare nella zona di piazza Riforma.
L'Amministrazione comunale, dopo aver sperimentato il buon risultato dei sensi unici decisi per la zona Spirito Santo, via Marini Serra e Lungo Crati, vara alcune novità ritenute utili a rendere più scorrevoli i flussi di traffico in entrata e uscita in un altro punto caldo della città.
Le innovazioni riguardano:
-senso unico su via Vittorio Veneto, sempre in direzione sud-nord, a partire da piazza Riforma (fino ad oggi era a partire dall'incrocio di viale Trieste)
-possibilità per chi proviene da viale Trieste di raggiungere piazza Riforma solo attraverso via Sempione (a monte del distributore Esso), raggiungibile attrraversando via Veneto e il tratto finale di via Migliori
-scendendo da via Monaco, possibilità di raggiungere corso Umberto o via Veneto tirando dritto per il lato nord della piazza (dove c'è il distributore Agip), dove il senso unico viene appositamente invertito. Questo eviterà di dover girare intorno al bar Cimbalino.
-il vecchio percorso, invece, dovrà continuare a fare chi vuole portarsi su via Rivocati, il cui senso unico viene prolungatro fino all'incrocio con via Trento
-viene invertito ed andrà da via Lungo Busento Tripoli fino a corso Umberto il senso unico su via Bengasi e via S. Martino.
In sostanza con le modifiche si creerà un senso unico circolare che partirà da viale Trieste e continuerà per via Sempione, piazza Riforma e via Vittorio Veneto, il che dovrebbe eliminare o quanto meno sensibilmente diminuire gli ingorghi che nelle ore di punta si verificano sia su piazza Riforma che all'incrocio tra via Vittorio Veneto e viale Trieste.

Altre novità riguardano le traverse di via degli Stadi tra le quali molti automobilisti hanno preso l'abitudine di passare per evitare i cordoli dell'arteria principale. Questi percorsi interni, sempre da domani, saranno in buona parte vietati alle macchine.