Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2003

In Mostra dal 7 luglio "Popoli ed arti dal mondo"

22 mag 2003
Cosenza multietnica ed aperta ad ogni contaminazione positiva da ovunque proveniente arricchirà l'offerta culturale della Festa delle Invasioni ospitando una mostra su "Popoli ed Arti dal mondo". La mostra, dedicata alla cultura e alle arti delle minoranze etniche, arriva dalla Sicilia ed ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Si aprirà il 7 luglio alla Casa delle Culture. "La Mostra -si legge nella introduzione del suo ideatore Giuseppe Di Mauro- si sviluppa con una introduzione essenziale relativa ai fenomeni delle migrazioni e del nomadismo. Seguono quindi una serie di stampe ed oggetti etnici, corredati da didascalie e descrizioni, raggruppati per area geografica e integrati da pannelli che descrivono alcune delle peculiarità culturali di tanti gruppi etnici.Gli oggetti più significativi sono corredati da una breve nota descrittiva circa l'origine, la realizzazione ed il suo uso. Complessivamente sono rappresentati 30 Paesi e 50 popolazioni, di cui 45 gruppi etnici." Saranno esposti circa 230 pezzi fra i quali ornamenti, tessuti, sculture, maschere, strumenti musicali, strumenti rituali, armi ed oggetti artigianali di vario uso. Si tratta di oggetti vissuti, sia di antiquariato che di uso attuale presso popolazioni e minoranze etniche. Perfettamente in linea con gli obiettivi dell'Amministrazione Catizone le motivazioni che hanno portato all'allestimento. "Il continuo e sempre maggiore flusso migratorio verso l'Europa da parte di popolazioni di varie origini e culture, spesso sconosciute -scrive ancora l'ideatore dell'iniziativa- richiede lo sviluppo di una intercultura sul territorio, che contribuisca alla pacifica convivenza nel rispetto dei propri costumi. La mostra vuole essere uno degli strumenti per raggiungere tale obiettivo, portando a conoscenza alcune caratteristiche peculiari della cultura e dell'arte di una moltitudine di popolazioni. La conoscenza degli "altri" è fondamentale per gettare le basi di una cultura multietnica". La mostra è destinata a chiunque, in modo particolare agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, sia italiani che stranieri.