Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2003

Un osservatorio telematico per le donne

28 mag 2003
L'Amministrazione comunale attiverà un sito internet per coordinare e promuovere l'attività condotta sul territorio dalle associazioni che lavorano per la difesa dei diritti delle donne e per il rispetto delle pari opportunità. Lo ha detto ieri l'Assessore alle Politiche femminili Felicita Cinnante nel corso di un incontro svoltosi presso la Casa delle Culture cui erano rappresentate le principali associazioni di genere operanti nella provincia di Cosenza. Erano presenti il Centro Sociale "Roberta Lanzino", l'Associazione "Donne in campo", lo "Zonta Club", l'AIMA, l'ANFE, l'AIA, la FIDAPA, l'Associazione Emily, la Federcasalinghe, il gruppo Convegno Cultura "Maria Cristina", l'Associazione per le Pari Opportunità "Singolare - Plurale", il Coordinamento del gruppo "Donne Salute Politiche Sociali". "Abbiamo voluto incontrare le associazioni - ha detto l'Assessore Cinnante - nell'ambito di quel discorso bidimensionale già da tempo avviato che si pone quale principale obiettivo quello di ascoltare e recepire le problematiche che ancora persistono nella famiglia e nella sfera occupazionale e che riguardano le donne. Uno dei punti importanti del programma amministrativo del Sindaco Eva Catizone riguarda la realizzazione della Casa delle Donne, già prevista nel progetto del contratto di quartiere di Santa Lucia. Siamo consapevoli - ha aggiunto l'Assessore Cinnante - che è necessario profondere un impegno forte e costante per fare emergere la nuova dimensione dell'universo femminile e per riempire questa prestigiosa struttura di idee ma soprattutto di contenuti. Perché in un momento nel quale le divisioni politiche rappresentano il nostro pane quotidiano, le associazioni che perseguono le medesime finalità possono marciare unite e compatte, impartendo così anche una lezione importante alla nostra società". Il ruolo della donna nella società, l'educazione e la crescita dei figli, la precarietà economica e le violenze spesso non denunciate, sono alcune tra le tematiche affrontate. "L'attivazione di una rete di collegamento, di un osservatorio accessibile anche per via telematica - ha concluso l'Assessore Cinnante - ci consentirà di avviare un'attività non più limitata alla semplice convegnistica, ma finalizzata alla realizzazioni di progetti riqualificanti, in grado di fornire risposte concrete alle problematiche femminili e di accedere ai finanziamenti di legge e della Comunità Europea". L'incontro si è concluso con un intervento della presidente della Commissione Provinciale per le Pari Opportunità Gisella Florio. "Con il contributo dell'Assessore Cinnante - ha detto - e della presidente della Commissione Regionale, siamo riusciti ad estendere la cultura delle pari opportunità in diversi centri della provincia, stimolando anche le comunità più decentrate. Nei giorni scorsi sono state istituite due commissioni comunali per le Pari Opportunità anche a Cariati e Trebisacce, che si sono aggiunte a quelle di Cerisano e Rende. Un risultato importante - ha concluso - anche se il percorso che abbiamo deciso di intraprendere è ancora molto complesso".