Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2003

Il sindaco Eva Catizone in visita dal neo sindaco di Castrolibero Orlandino Greco

29 mag 2003
"Tra Cosenza e Castrolibero c'è una continuità fisica che non può essere ignorata. Occorre stringere rapporti e avviare sinergie per rafforzare l'idea della città unica che nei fatti già esiste. Ciò consentirà di costruire da subito le condizioni per pervenire al Comune unico." Lo ha affermato il Sindaco Eva Catizone nel corso della visita di cortesia che ha reso questa mattina al Municipio di Castrolibero al neo sindaco Orlandino Greco. Eva Catizone era accompagnata dal vicesindaco Giuseppe Leporace, dall'assessore Vittorio Cavalcanti, dal capo dell'Ufficio Tecnico di Palazzo dei Bruzi, ing.Luigi Zinno e dall'arch.Sandro Adriano, dirigente dell'ufficio del Piano. A ricevere il primo cittadino di Cosenza, oltre al sindaco Greco, un gruppo di consiglieri neoeletti tra i quali anche il consigliere del PSE Francesco Manna. L'incontro è stato assai cordiale e si è concluso con il dono da parte di Orlandino Greco di un fascio di fiori tra i quali spiccavano delle rose di colore arancione. "Le elezioni sono finite - ha sottolineato nel corso dell'incontro il Sindaco di Castrolibero - e deve iniziare una fase nuova. Quella di oggi è una visita che mi fa molto piacere perché se il Sindaco della città capoluogo ha la sensibilità di andare a Castrolibero per salutare il nuovo primo cittadino, ciò significa, al di là del fatto che costituisce per me motivo di orgoglio e di soddisfazione, che ci sono le condizioni per lavorare bene. Oggi - ha proseguito Greco - comincia un percorso nuovo volto ad individuare le giuste sinergie per far decollare l'area urbana e dare le risposte che i cittadini legittimamente si attendono." "Occorre partire dai problemi reali - ha detto dal canto suo la Catizone. Qui non si tratta di fagocitare i comuni più piccoli ad opera dei più grandi. Si tratta, piuttosto, di lavorare per realizzare fatti, ben lungi da ogni polemica o autoreferenzialità." Tra i problemi prioritari il Sindaco Catizone ha indicato quello della viabilità e del trasporto pubblico locale. "In quest'ultimo settore - ha precisato la Catizone - se fosse già operativo il Comune unico si sarebbero ridotti i disagi ed enormi sarebbero stati i vantaggi. Basti pensare alla cifra spropositata che il comune di Castrolibero è costretto a sborsare ogni anno per garantire il collegamento dei suoi cittadini con la città di Cosenza. Un collegamento che viene addirittura considerato extraurbano. Con il Comune unico tutto questo non si verificherebbe". Il Sindaco di Cosenza ha poi preannunciato l'adozione di misure di intervento e di riqualificazione, oltre quelle già adottate in questi giorni, per migliorare la viabilità ed i controlli in via degli Stadi. La Catizone ha inoltre sollecitato il collega Greco ad individuare nuove soluzioni anche con riferimento al trasporto pubblico locale da e per l'Università della Calabria "dove - ha precisato il Sindaco di Cosenza - la situazione è diventata insostenibile, attesi i tempi biblici della Regione per la realizzazione della metropolitana di superficie." Rispondendo ad una richiesta del Sindaco Greco, tanto la Catizone quanto l'assessore Cavalcanti hanno riferito della possibilità di inserire Castrolibero negli interventi inerenti la viabilità che, con la compartecipazione dell'Anas, saranno realizzati per effetto della futura temporanea chiusura dello svincolo autostradale di Cosenza a causa dei lavori di ammodernamento dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria. "A questo proposito - ha riferito la Catizone - c'è stato nei giorni scorsi un incontro a Roma, al Ministero dei lavori pubblici, nel corso del quale questa possibilità è stata ampiamente valutata." Le sinergie tra Cosenza e Castrolibero riguarderanno anche il Pit, soprattutto con riferimento al Parco Fluviale del Campagnano e alle aree produttive, ma anche l'Asse V città, qualora si dovessero creare le condizioni per una sua rimodulazione. A questo proposito la Catizone ha sostenuto che "l'Asse città è stata per Castrolibero un'occasione mancata. Ma se si dovesse riaprire uno spiraglio, non avremo problemi ad inserire progettazioni che vedano Castrolibero protagonista." Tra le questioni trattate, anche l'opportunità di aprire un dialogo e di individuare una comunione di intenti tra i due comuni sull'atavico problema dell'acqua che interesserà la prossima conferenza dei Sindaci dell'ATO. L'incontro di questa mattina si è poi concluso con un'affermazione del Sindaco di Castrolibero, ampiamente condivisa da Eva Catizone. "La centralità del Comune di Cosenza - ha detto Greco - non può essere messa in discussione. Sarebbe antistorico ed anacronistico. Bisogna dare, invece, spazio alla concertazione, ai programmi ed alla gestione dei servizi, integrando le nostre identità."