Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2003

Via XXIV Maggio: repliuca dell'Ass. Cavalcanti

26 mag 2009

Alcuni commercianti di via XXIV Maggio hanno inoltrato per il tramite del Quotidiano, una garbata protesta per lo stato in cui attualmente versa l’arteria stradale, sostanzialmente ponendo a causa di una serie di disagi il transito dei mezzi pubblici AMACO.

Rispondo non solo, come dicevo, per il tono pacato e, tuttavia, assai chiaro, della petizione, ma anche perché evidentemente, è necessario ulteriormente informare dell’attenzione e della sensibilità dell’amministrazione di Cosenza ed, in particolare, del suo Sindaco, verso i problemi sollevati.

Dico subito che, proprio in considerazione dei disagi sinora causati, il transito dei mezzi pubblici AMACO cesserà in tempi brevissimi su via XXIV Maggio ed è questa un’azione dell’amministrazione già in corso, nel senso che si sta predisponendo sul viale Giacomo Mancini un percorso riservato di svolta che consentirà ai mezzi AMACO di transitare sul viale per penetrare nella zona centrale attraverso via Molinella.

Appena sarà completata la realizzazione di tale opera, si attuerà il percorso alternativo a quello di via XXIV Maggio ed il problema sollevato, almeno sotto tale profilo, verrà risolto.

Più volte, in verità, tale misura è stata preannunciata sulla stampa locale ma, evidentemente, non è stato sufficiente a dare adeguata comunicazione ai cittadini interessati.

Aggiungo, quanto agli altri problemi di viabilità, che il mio modo di intendere la vigilanza delle strade ed il ruolo dei vigili urbani è quello di un’azione educativa, prima ancora che repressiva, ma tutto ciò passa necessariamente attraverso la verifica concreta del grado di corresponsabilizzazione dei cittadini, i quali dovranno condividere non solo le proprie esigenze, ma quelle di ogni altro cittadino.

Perché, se è vero che il transito dei mezzi AMACO ha causato disagi, mi domando quanti di questi disagi siano stati provocati dall’impossibilità di percorrere la strada proprio per la presenza di autovetture che ne impedivano il passaggio.

Cosenza è e vuole essere la città dei diritti, ma dei diritti di tutti e, prima ancora, è e vuole diventare anche la città dei doveri.

Cosenza, 6 marzo 2003. Vittorio Cavalcanti Assessore alla mobilità ed area urbana

()