Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2002

Rinnovate le cariche della Multiservizi

19 nov 2002
/A Dopo l'Amaco, rinnovate le cariche di vertice anche alla Multiservizi, la società mista pubblico-privata costituita a suo tempo dal Comune con il partner Italia Lavoro SpA. Nuovo Presidente, di nomina comunale, è il cosentino ingegner Francesco Mauro, 65 anni ed un lungo e prestigioso curriculum professionale; amministratore delegato, espresso da Italia Lavoro, è l'architetto Francesco Chiocca. Consigliere d'Amministrazione è l'arch. Domenico De Rito; sindaci effettivi la dott.ssa Carla Leporace, il dr. Giuseppe Serafino Lio e il dr. Toscano; sindaci supplenti il dr. Walter De Pietro, la dr.ssa Rosa Altavilla. Anche in questo caso, si è puntato ad un assetto improntato a crismi di professionalità e managerialità, con il fine di aumentare l'efficienza e l'efficacia dell'azione della Multiservizi. La Società può contare su ventisei lavoratori, ex Lsu ora stabilizzati, impegnati sul fronte della manutenzione dei plessi scolastici, della lettura dei misuratori idrici e dell' affissione. Obiettivo non secondario con il quale i nuovi vertici dovranno misurarsi sarà quello di portare l'Azienda nella condizione di competere sul libero mercato e, quindi, di assicurarsi anche commesse private che ne aumentino il grado di operatività e, conseguentemente, la solidità. Nell'agenda di lavoro del nuovo CdA dovrà, anzi, essere questa una priorità. L'Amministrazione comunale è intenzionata, non appena i nuovi organismi saranno insediati, a chiedere la costituzione di un tavolo di lavoro, allargato alle rappresentanze sindacali, per discutere dei passi da privilegiare nell'immediato. Si dovrà partire da un'analisi del Piano d'impresa per verificarne la compatibilità con lo stato attuale e, soprattutto, con le prospettive della Società. Dovrà essere dato spazio a processi di formazione e riqualificazione del personale per adeguarne le competenze alle esigenze effettive. La Società dovrà inoltre promuovere una ricerca di mercato per acquisire nuove commesse. Ormai alle spalle, la fase della stabilizzazione dei lavoratori, il Comune non ritiene di dover rimanere l'unico committente di un'Azienda che invece opera in un settore appetibile per un mercato molto più vasto. Accanto alle attività di promozione e formazione del personale, anche la flessibilità tariffaria potrà giocare un ruolo di rilievo - fanno notare a Palazzo dei Bruzi-per allargare la base operativa e le possibilità occupazionali. (19.11.2002) a name=n2002111902