Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2002

Nomine Amaco e Multiservizi: "Gran confusione del consigliere De Rose"

27 nov 2002
/A "Il consigliere Umberto De Rose ha fatto una gran confusione nella interpretazione delle norme che cita e che maldestramente cerca di piegare ai propri desideri." Eva Catizone ribatte alle osservazioni del consigliere De Rose, secondo il quale le nomine sindacali per i vertici di Amaco e Multiservizi sono illegittime in quanto sarebbero spettate al Consiglio comunale. "Il sindaco -continua Eva Catizone- ha semplicemente esercitato i suoi poteri, che sono evidentemente del tutto sconosciuti al consigliere De Rose, già candidato sindaco ma non eletto tale, fortunatamente per la collettività -aggiungo- dal momento che non sa neppure cosa può o non può fare un primo cittadino. Nel caso in questione, tali poteri derivano dagli articoli 42 e 50 del Testo unico degli enti locali. L'art. 42 distingue (cosa che non ha fatto De Rose) tra rappresentatività del Consiglio e rappresentatività del Comune in seno agli Enti terzi. La nomina dei rappresentanti del Consiglio è ovviamente riservata all'assemblea civica. La nomina, invece dei rappresentanti dell'Ente Comune spetta, in virtù del successivo art.50, alla esclusiva competenza del Sindaco. Quindi, nel caso di Amaco e Multiservizi, trattandosi di rappresentanti del Comune e non del Consiglio, il sindaco ha operato nell'ambito dei propri poteri. Infine, essendo obbligato a procedere entro termini tassativamente stabiliti dallo stesso art.50, comma 9, per le nomine il Sindaco si è attenuto ai criteri vigenti, non avendo il nuovo Consiglio comunale ancora provveduto a fissarne di nuovi." (27.11.2002) a name=n2002112703