Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2002

L'Amministrazione garantisce la pratica dello sport per tutti i cittadini

14 dic 2002
/A Il Comune di Cosenza, in continuità con la precedente amministrazione, intende promuovere la pratica dello sport, garantendo pari opportunità a tutti i cittadini, soprattutto a quelli in stato di disagio sociale. A tal fine l'Assessorato ai diritti dei cittadini ha avviato un progetto sperimentale, "Sport per tutti", per favorire un maggiore accesso allo sport anche alle persone con disabilità, ai minori in stato di svantaggio sociale, alle persone in stato di detenzione. In questo quadro sono stati già acquistati alcuni articoli sportivi messi a disposizione del Centro di riabilitazione neuromotoria di Serraspiga, che fornisce servizi a oltre 400 persone disabili, dei minori con difficoltà (circa 150), ospiti in alcune case famiglie, e della Casa Circondariale di via Popilia. Sono stati avviati, inoltre, contatti con alcune scuole cittadine interessate a favorire una maggiore partecipazione dei bambini con disabilità alle attività motorie e all'avvio dell'attività sportiva, trovando in alcuni casi molta disponibilità. Da sottolineare che nelle scuole elementari e medie cittadine sono iscritti circa 200 bambini e bambine con disabilità. Sono stati presi anche contatti con ditte produttrici di speciali attrezzature sportive, utilizzabili da persone con disabilità, alcune delle quali hanno accettato di metterle a disposizione, gratuitamente in prova, per un periodo limitato. Tra questi una multinazionale, la Sunrise, che già nei prossimi giorni dovrebbe fornire al Comune di Cosenza una "handbike", una bicicletta utilizzabile anche da bambini che possono muovere solo le braccia. Si sta verificando, inoltre, la possibilità di promuovere attività sportive che permettano alle persone con disabilità di non giocare solo tra loro, come è avvenuto finora, ma anche insieme ad altri ragazzi senza disabilità (ad esempio ciò è sicuramente possibile nel gioco delle bocce o del tiro a piattello). L'assessore ai diritti dei cittadini, con delega allo sport, Vincenzo Gallo, ha dichiarato : "Mi auguro che tutte le istituzioni, le società sportive e altri soggetti pubblici e privati possano svolgere un ruolo attivo e sinergico per favorire la partecipazione sociale di persone, che in alcuni casi non hanno avuto mai l'opportunità di praticare uno sport insieme agli altri o una adeguata attività fisica, Ciò pur avendone estrema necessità, per contrastare gli effetti negativi dell'immobilismo o dell'emarginazione". (14.12.2002) p align=justify a name=n2002121405