Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2002

L'ass. Corigliano replica al Predidente della Biblioteca Civica

25 mag 2009
(Assesorato alla politiche scolastiche) Al Presidente Biblioteca Civica di Cosenza . Egregio Presidente, la lettera da Lei inviata ai quotidiani locali merita una risposta pubblica, sia perché inopportuna nella tempistica, sia perché fortemente lesiva, nei contenuti, della dignità di amministratori onestamente impegnati ad onorare con scelte ed azioni quotidiane il mandato ricevuto dal popolo e la fiducia ricevuta dal Sindaco. Relativamente alla tempistica, sottolineo che mentre Lei si dilettava a fustigare con parole di fuoco l'Amministrazione Comunale, ispirandosi ad una Sua personale interpretazione delle leggi e dei doveri degli Enti Locali, il Sindaco Catizone e la sua Giunta deliberavano l'erogazione dell'ennesimo (non dovuto) contributo alla Biblioteca Civica. Sottolineo il non dovuto. La Civica , come Lei ben sa, è un Ente Morale e non una Biblioteca Comunale; pertanto il Comune non è tenuto a pagare gli stipendi dei dipendenti, dei quali però riconosce le ragioni ed è per questo che, ancora una volta, il già copioso contributo erogato alla Biblioteca è stato integrato compiendo sforzi notevoli. Lei, che come noi, ha giustamente a cuore questo luogo sacro della cultura, anziché puntare l'indice contro gli altri ed emettere sentenze di condanna, dovrebbe rivolgere a se stesso qualche domanda. Perché non è stato ancora possibile modificare lo Statuto risalente al 1916, nonostante gli interventi e le sollecitazioni dell'Amministrazione Comunale? Perché non è stato chiesto alla Regione di svincolare il contributo erogato annualmente dalla destinazione d'uso che lo rende fruibile solo per l'acquisto dei libri? Perché, pur sapendo di non poter contare annualmente per una determinata somma il limite di bilancio è puntualmente superato? Un Presidente non può limitarsi a produrre voluminosi epistolari e a diffondere accuse se non strumentali quanto meno strumentalizzabili, guardando al Comune come ad una grande cassaforte da aprire a proprio piacimento. Basta con la mentalità dell'assistenzialismo ! Il rilancio della Civica passerà attraverso un nuovo Statuto, Strumento indispensabile per una gestione innovativa ed efficiente, ma dovrà essere frutto principalmente di un profondo cambiamento culturale ed organizzativo. L'ASSESSORE Maria Francesca Corigliano (19.12.2002) p align=justify a name=n2002121909