Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2001

Scuola Media Anile: le buone ragioni dell'Amministrazione comunale

13 nov 2001
L'assessore alla Scuola Pietro Mari ritorna sulla questione della scuola media "Anile" ed indica "cinque buone ragioni per utilizzare una scuola al posto di due." Eccole: OL LI"Fin dal 1 settembre 2000 la Scuola Media "Anile" è stata accorpata dal Ministero della Pubblica Istruzione alla Scuola Media "Gullo", sotto un'unica dirigenza scolastica, è evidente che la permanenza di due plessi si giustificherebbero solo per problemi di rapporto alunni/aule, o, comunque, per motivi di carattere logistico./LI LIAlla scuola media "Anile" sono stati iscritti, in quest'anno scolastico, 219 allievi divisi in n.10 classi; alla scuola media "Gullo" sono stati iscritti 326 allievi divisi in 12 classi. Già quest'anno le 22 classi si sarebbero potute allocare solo nella S.M."Gullo"./LI LIPer motivi demografici e di fluttuazione della popolazione all'interno dell'area urbana e della città, è legittimo prevedere che la tendenza ad una diminuzione degli iscritti nelle due scuole sia destinata a persistere anche nei prossimi anni. Analizzando i dati si può desumere che l'utenza delle due scuole nei prossimi anni si assesterà intorno al numero di 450 allievi, per complessive 18-20 classi./LI LILa Scuola Media "Gullo" è un edificio, in buone condizioni di manutenzione, senza barriere architettoniche, dotato di auditorium, spazi per l'educazione fisica all'aperto, palestra, sale multidisciplinari, in regola con le norme sulla sicurezza. La scuola di via Isnardi ha invece bisogno di non trascurabili interventi di manutenzione straordinaria per eliminare situazioni di pericolo e barriere architettoniche, nonché di interventi d'adeguamenti alle norme di sicurezza ./LI LIL'apertura del Viale Parco trasforma le condizioni di accesso alla S.M."Gullo", che potrà avere un ingresso principale diretto sulla nuova strada, a meno di 150 metri dalla S.M."Anile", come si vede dalla cartina allegata./LI/OL Queste sono le cinque ottime ragioni tecniche che hanno determinato la decisione dell'amministrazione comunale; i Cosentini, che contribuiscono con i loro tributi a sostenere i costi delle scuole cittadine, devono prendere atto della opportunità del provvedimento. Non meravigliano più di tanto le critiche di un consiglieri di A.N. "attento analista delle finanze dell'Ente" che ancora una volta cerca di nascondere dietro bieche illazioni evidenti interessi di pochi suoi protetti. " L'assessore Mari pone poi l'accento su un altro risvolto della questione, rilevando "un'opportunità da non trascurare": "L'Amministrazione Provinciale ha chiesto di acquistare un immobile nel centro di Cosenza in cui allocare il Liceo Scientifico "Fermi". Alla offerta di acquistare la vecchia e fatiscente sede del Consorzio Agrario posto in liquidazione, si è aggiunta, per la decisione presa dal Comune, l'edificio scolastico di via Isnardi. Ovviamente l'Amministrazione Provinciale ha scelto l'edificio scolastico. Ovviamente il Comune non può trascurare l'opportunità di incassare le risorse che consentiranno di eseguire i lavori necessari nelle scuole cittadine senza ricorrere all'accensione di mutui. (13.11.2001) a name=n2001111302