Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2001

Festa in comune per l'anniversario della seconda elezione del Sindaco Mancini

16 nov 2001
img src=/foto/festa1611-2.jpg align=left alt="Il SIndaco saluta i convenuti"Quattro anni dopo il 16 novembre del 1997 Giacomo Mancini e la Giunta comunale hanno voluto festeggiare l'anniversario della seconda elezione, avvenuta al primo turno con circa il 60% delle preferenze. "Oggi siamo qui - ha detto il Sindaco Mancini in un salone gremito di gente - per dirvi che abbiamo amministrato bene. Non ci piacciono le classifiche - ha aggiunto il Sindaco - ma se le volessimo fare dovremmo dire che Cosenza è al primo posto in Italia per ciò che ha saputo realizzare. Questa era una città sporca, brutta, vecchia, senza avvenire e incapace di muoversi. Ora non è più così. Non so se piangere o ridere - ha detto ancora Mancini - trattengo le lacrime anche se sono commosso. Non perché vado via. Conosco le regole della vita e so che non è eterna, c'è un principio e una fine. L'importante è che la fine sia lieta, accompagnata dal sorriso degli amici. Non ho mai commesso l'errore di dire che sono capace solo io, anzi questa è una città ricca di uomini e donne capaci e tra questi non mi si può impedire di indicare chi potrebbe continuare l'opera compiuta. Eva Catizone è brava, colta, conosciuta, con lei non possono crescere palazzi senza permesso". Il Sindaco ha poi ricordato uno per uno tutti gli assessori che compongono la giunta, lodandone l'impegno e la capacità di lavorare in sintonia ottenendo successi prima neanche immaginabili. In un appassionato discorso, Mancini ha citato alcune delle tante opere realizzate dall'Amministrazione comunale. Opere pubbliche, come il Viale Parco, ma anche il lavoro che l'Amministrazione è riuscita a creare per centinaia di cosentini in difficoltà. "Siamo stati gli unici in Italia - ha aggiunto - a riconoscere che i Rom sono persone come le altre. Abbiamo creato le cooperative ma non ci fermeremo, ne faremo delle altre e faremo in modo che quelle esistenti si trasformino in cooperative di elettricisti o meccanici, e non limitate solo a rendere pulita la città. Il resto ve lo dirò la prossima volta - ha concluso il Sindaco - anzi, ve lo dirà Eva Catizone quando aprirà la prossima campagna elettorale. Viva Cosenza Democratica". La fine della consiliatura, sia pure rinviata alla prossima primavera per la legge sull'election day, è stata salutata da un lungo applauso a cui hanno fatto seguito le note di Fausto Guido e Maurizio Aloise che hanno allietato la serata. (16.11.2001) a name=n2001111600