Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2001

Primi bilanci per il BinBus

20 nov 2001
A poco più di due settimane dal varo del progetto di integrazione tariffaria e vettoriale BinBus, si cominciano a tirare i primi bilanci anche alla luce dell'accoglienza che all'iniziativa riservano gli utenti. Ci sono stati nei giorni scorsi alcuni rilievi su aumenti di tariffe che ad alcuni passeggeri abituali sono sembrati ingiustificati. In realtà, gli aumenti sono molto lievi mentre i vantaggi si evidenziano come sicuramente rilevanti. Lo sostiene e lo dimostra, cifre alla mano, il direttore dell'AMACO ing. Gianfranco Marcelli, al quale abbiamo chiesto un promemoria riassuntivo di queste prime settimane di esperienza BinBus e una risposta agli utenti (pochi, per la verità) insoddisfatti. Diamo di seguito la nota dell'ing. Marcelli. Per quanto riguarda, infine, le preoccupazioni dei sindacati sul futuro dell'Amaco, apparse oggi sulla stampa, si fa presente che si tratta di paure del tutto infondate. La moltiplicazione dei punti di vendita di biglietti e abbonamenti- dice ancora l'ing. Marcelli- lungi dall'arrecare un qualche danno all'Amaco, è proficua per ogni soggetto dell'accordo, naturalmente Amaco compresa. Nota dell'ing. Gianfranco Marcelli: La grande maggioranza della clientela trova interessante il "prodotto" offerto ed i prezzi applicati; in particolare i titoli di viaggio che "tirano" di più nella zona urbana sono i biglietti giornalieri da £ 3.000, i biglietti settimanali da £ 14.000, gli abbonamenti mensili per studenti da £ 27.000; quelli per studenti universitari da £ 35.000. Nonostante le polemiche apparse anche sulla stampa circa gli aumenti degli abbonamenti mensili ordinari, anche questi ultimi si stanno vendendo con buon successo. Le polemiche traggono origine dal fatto che i cosiddetti abbonamenti mensili per una sola linea, che costavano £ 34.000, non esistono più. E' stato necessario procedere alla loro abolizione in quanto risultavano assolutamente in antitesi con il sistema di integrazione; in un sistema integrato non si possono offrire titoli di viaggio che diano diritto ad usufruire solo di una parte dell'intero complesso dei servizi. Il sistema é valido se si offre sempre e comunque per intero. E' opportuno notare che l'abbonamento ordinario per la "zona gialla" (tutto il territorio di Cosenza, il territorio di Rende fino all'università, Andreotta di Castrolibero, Laurignano) costa £ 48.000, mentre il vecchio abbonamento ordinario per la rete AMACO (solo il territorio di Cosenza) costava £ 46.000; a fronte di un incremento percentuale pressocché insignificante, pari al 4,35%, si offre un sistema di servizi enormemente maggiore (tutti i servizi dell'AMACO più tutti quelli del Consorzio, di Costabile, delle Ferrovie della Calabria compresi i treni tra Cosenza Casali e Cosenza Vaglio Lise, ed i treni delle Ferrovie dello Stato tra Castiglione e Cosenza Vaglio Lise). E' ancora opportuno sottolineare il fatto che tra le offerte commerciali della zona gialla esistono anche gli abbonamenti mensili per famiglia al prezzo di £ 70.000; tali abbonamenti, composti da due tagliandi (quindi £ 35.000 a tagliando) sono utilizzabili separatamente da tutti i componenti il nucleo familiare. I titoli di viaggio extraurbani di Bin-Bus danno tutti diritto a viaggiare anche nella zona urbana. In particolare il biglietto di corsa semplice, oltre al viaggio per raggiungere la zona urbana, dà diritto a viaggiare in essa per un'ora, quello di a/r, oltre al viaggio di andata ed a quello di ritorno, dà diritto a viaggiare nella zona urbana per tutto il periodo di permanenza in essa. Gli abbonamenti settimanale e mensile sono delle vere e proprie "carte di libera circolazione" nel territorio compreso tra la località di provenienza e la zona urbana, essa stessa compresa; in definitiva sono la somma di due abbonamenti, quello extraurbano e quello urbano, a costi estremamente vantaggiosi. I vantaggi sono indiscutibili ed il rapporto "maggior costo/beneficio" e assolutamente vantaggioso. Esiste, quindi, soltanto la necessità di un'informazione sempre più capillare e diffusa. Le cinque aziende stanno mettendo in atto una serie di iniziative pubblicitarie; inoltre il numero verde AMACO 800242400 é diventato numero verde BIN-BUS e può essere contattato 24 ore su 24. Nel sito A HREF="http://www.amaco.it/"IUFONT COLOR="#0000ff"www.amaco.it/I/U/A sono state inserite le notizie utili per il BIN-BUS (20.11.2001) a name=n2001111901