Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2000

Affissa la graduatoria dei 31 vigili vincitori del concorso

20 nov 2000
Come preannunciato, è stata affissa oggi a Palazzo dei Bruzi e a Palazzo Ferrari la graduatoria relativa al concorso dei vigili urbani. I 31 vigili che entrano a far parte del Corpo di polizia municipale di Cosenza sono, in ordine di graduatoria: OL LIMorello Maria Cattolica/LI LITriulcio Carmelo/LI LIGaudio Laura/LI LIRizzuto Vittoria Francesca/LI LICozzitorto Mario Giuseppe/LI LIMartino Rosa/LI LICampagna Rosaria Franca/LI LIAntonucci Sergio/LI LIGaudio Tiziana/LI LITizza Giuseppe/LI LICoscarella Emanuela/LI LIFuoco Eugenio/LI LIBruno Eugenio/LI LICarricato Alessandra/LI LIStefanizzi Anna/LI LIMossuto Francesco/LI LIDe Palo Teresa/LI LIGrandinetti Maria Teresa/LI LIPerrelli Pierpaolo/LI LILongo Carmelina/LI LIRusso Carmelina/LI LIZanfardino Mario/LI LIScalercio Flaviana/LI LIRovito Massimiliano/LI LIGuzzo Loredana/LI LIZicarelli Simona/LI LIGranata Maria Luigia/LI LIDe Luca Ines/LI LIMarta Marcello/LI LIBaldino Serafina/LI LIBorrelli Silvana/LI/OL Per giovedì, alle ore 12, è confermato l'incontro dell'Amministrazione comunale con i 31 vigili che prenderanno servizio nei prossimi giorni. (20.11.2000) a name=n2000112002Nessun mistero sulla Città dei Ragazzi Nessun mistero nella Città dei Ragazzi. Per quanto è dato sapere all'Amministrazione comunale non vi è alcun nesso tra i lavori dell'importante opera e presunte contese, nell'ambito della criminalità, su forniture di calcestruzzo, come ipotizzato da un quotidiano locale. "Va innanzitutto precisato - si legge in una nota dell'Amministrazione- che la realizzazione della Città dei Ragazzi non ha mai conosciuto interruzioni o sospensioni. Come confermatoci dal direttore dei lavori arch. Gambardella, al massimo ci sono stati dei rallentamenti per motivi legati al ritardo della Comunità europea nel trasferimento dei fondi. Inoltre, nella Città dei Ragazzi le quantità di calcestruzzo sono assolutamente irrisorie e irrilevanti, essendo le strutture per la maggior parte in acciaio e prefabbricati. Ancora, l'impresa aggiudicatrice è ricorsa a subappalto, regolarmente autorizzato, per un importo minimo rispetto al complessivo. In ogni caso, il Comune di Cosenza ha sempre seguito con grande attenzione i lavori dati in appalto, consapevole di quanto può avvenire nel settore delle forniture. Nessun mistero o anomalia, infine, neppure per la richiesta, fatta all'Amministrazione provinciale nel novembre del 1998, di una modesta porzione di area adiacente e inutilizzata che servirà a migliorare, ampliandolo, lo spazio esterno della Città, così come previsto in progetto. Le fonti cui ha attinto il giornale sono quindi tutte da controllare, soprattutto tenuto conto che sono di pubblico dominio, ormai, le imprese che hanno dato luogo a scontri per gli inerti ed il cemento. I processi che si sono svolti hanno messo in luce non poche circostanze preoccupanti. Perciò, chi vuole può fare servizi meno reticenti di quello che abbiamo letto a proposito - o, meglio, a sproposito- della Città dei Ragazzi. Questa nota viene stilata quando già al giornale sono state date tutte le informazioni richieste." (20.11.2000) a name=n2000112003