Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2000

Assestamento bilancio 2000: L'assessore Arango risponde alle osservazioni

28 nov 2000
L'assessore alle Finanze Vincenzo Arango risponde alle osservazioni del segretario cittadino dei Ds Carlo Guccione in merito ad alcuni punti della manovra di assestamento del bilancio 2000. "Si tratta -esordisce l'assessore Arango- di osservazioni destituite di alcun fondamento, avanzate da chi non conosce la materia finanziaria. Non c'è prescrizione per le bollette dell'acqua, nè sono di "dubbia esigibilità" i pagamenti arretrati della tassa sui rifiuti e dell'Ici. Per le bollette dell'acqua relative agli anni '89/'95 sono state notificate nei termini le relative cartelle, i cui pagamenti sono stati richiesti con ulteriori solleciti. I termini per il pagamento sono ancora in corso. Relativamente alla tassa sui rifiuti, per il 1998 il Comune accredita dagli utenti la somma di 639 milioni, mentre per il 1999 la somma di circa 9 miliardi. Entrambe le somme non sono prescritte perchè la legge consente la formazione del ruolo entro i tre anni successivi a quello di riferimento. Identica considerazione va fatta per l'ICI. Quella relativa all'anno 2000, pari a 16 miliardi e 600 milioni, va pagata in due rate: a giugno e a dicembre. La rata di giugno è stata riscossa per 7 miliardi e pertanto chi ha fatto il versamento del primo acconto certamente non si sottrarrà al versamento del saldo previsto in 9 miliardi circa. Quanto al recupero dell'ICI evasa, per l'importo complessivo di 5 miliardi relativi agli anni '99 e 2000, sono stati emessi e notificati i relativi avvisi di accertamento. Inoltre, la somma relativa al 1999 è stata già iscritta a ruolo coattivo. Il fondo di riserva di circa 900 milioni sarà utilizzato per i casi previsti dalla legge con deliberazione di giunta da comunicare al Consiglio." (28.11.2000) a name=n2000112801