Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 1999

Il Sindaco incontra il Presidente dell'Aterp

25 mag 2009
E’ stato quanto meno deludente il ruolo svolto dall’Istituto Case popolari, oggi Aterp, negli ultimi anni a Cosenza, dove non viene assegnata una casa da troppo tempo. Lo ha ribadito ieri il sindaco Mancini al Presidente dell’Azienda Antonio Gentile durante l’incontro svoltosi al Comune in un clima di collaborazione istituzionale ed incentrato sulla politica per gli alloggi popolari e non anche sul destino dell’ex Jolly, al quale non si è fatto alcun cenno. L’on. Mancini ha espresso una forte critica all’operato, o meglio al "non operato" di un Istituto "che -ha detto- tutto ha fatto meno che dare case a chi ne ha bisogno". "Sono molti anni -ha sottolineato il sindaco - che non viene assegnata un’abitazione e all’orizzonte non si vede niente di positivo, considerato che i lavori di buona parte di quelle in costruzione sono stati sospesi per problemi con le ditte". E, ancora, il sindaco ha deplorato la politica adottata da Regione ed Aterp di acquistare immobili (ben 11 nel centro storico cosentino) senza poi preoccuparsi di avere i finanziamenti per le necessarie ristrutturazioni, che appaiono quindi ben lontane dall’essere effettuate. Sulla qual cosa -secondo Mancini- forse sarebbe opportuna l’apertura di una indagine. Le critiche avanzate dal primo cittadino hanno trovato estremamente attento e in molti punti concorde il Presidente Gentile, il quale ha ribadito di voler procedere in stretta collaborazione con il Comune capoluogo per risolvere i problemi delle case popolari e dei loro abitanti. Gentile, dietro precise richieste del sindaco, ha informato che per gli immobili del centro storico il recupero inizierà non appena saranno trasferiti i fondi previsti dalla legge 135. Saranno concordate con l’Amministrazione comunale le scelte progettuali riferite alle destinazioni degli edifici a scopo sociale, culturale, commerciale ecc. E’, poi, in via di ultimazione l’intervento di completamento di 54 alloggi in via degli Stadi, ma Gentile ha confermato che ben diversa è la situazione per altri 50 alloggi che procedono con eccessiva lentezza e per i quali si sta pensando di chiedere la rescissione dell’attuale contratto e la ridefinizione della gara. Saranno, invece, presto appaltati i lavori dell’asse Via Popilia-Vaglio Lise, dopo la risoluzione di una lunga controversia giudiziaria con l’appaltatore. Ancora, ostacoli giudiziari sono sorti per la costruzione degli alloggi di Donnici. Gentile ha assicurato che gli uffici dell’Azienda si sono attivati per la pronta riconsegna del cantiere e per l’aggiornamento economico del progetto presso l’assessorato regionale ai lavori pubblici. Infine, la gara d’appalto per le case in contrada Molara sarà espletata non appena l’Aterp sarà in possesso delle autorizzaizoni di rito. (22.01.99)