Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 1998

Convegno per la costituzione del credito comunale antiusura col sindaco Mancini e Pino Rauti

25 mag 2009
Il convegno per la costituzione del credito comunale antiusura ha avuto luogo ieri, come previsto, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi. Vi hanno partecipato sia il sindaco, Giacomo Mancini, che il segretario nazionale partito della Fiamma Tricolore, Pino Rauti. Quel che non era previsto era la cornice che ha fatto da prologo al convegno. Poco più di un'ora prima, infatti, un gruppo di dimostranti del Centro Sociale Autogestito Gramna ha occupato il salone esponendo uno striscione antifascista. Nel mentre Piazza dei bruzi andava riempiendosi di gente che manifestava solidarietà al Sindaco dopo la notizia della richiesta di rinvio a giudizio. Numerosi i cartelli tra cui si leggevano messaggi di sostegno e solidarietà seguiti dalle sigle di molte cooperative sociali ed anche quella dell'Oasi Francescana. "Se fossi vecchio direi che sono commosso - ha commentato Giacomo Mancini usando il megafono dei dimostranti - ringrazio i ragazzi del Gramna perché sono venuti qui per esprimere la loro vibrata protesta contro la manifestazione a cui parteciperà stasera un esponente dell'ex MSI. La loro protesta trova posto nella mia idea di democrazia - ha detto Mancini - anch'io sono contrario all'estremismo di destra, ma non potrei restare un minuto di più se stasera non si svolgesse la manifestazione programmata garantendo a tutti libertà di parola e di pensiero." E la manifestazione programmata c'è stata. In un salone gremito ha preso la parola Roberto Bernaudo, segretario provinciale della Fiamma Tricolore, che ha ringraziato il Sindaco per la possibilità di confronto offerta sulla scorta di una promessa fatta ad un candidato opposto in periodo di campagna elettorale. "Non ci speravo - ha detto Bernaudo, che ha proseguito definendo disonesti quelli che parlano di ripresa economica del meridione - la rinascita del sud è incompatibile con il sistema bancario che vi opera. L'altissimo costo del denaro mette fuori gioco l'imprenditoria meridionale - ha concluso Bernaudo - e le troppe sofferenze, portate a pretesto dalle banche, non solo suonano ad offesa dell'intelligenza ma risultano soprattutto contrarie alle norme del codice civile". L'Avv. Fernando Scarpelli ha relazionato sull'accostamento banca-usura. Ha poi preso la parola il prof. Auriti, docente dell'Università di Teramo, che ha illustrato il suo disegno di creare una moneta locale, come già accade in 60 città americane, attraverso un consorzio tra comuni consentito per finalità sociali dalla legge 142/90. Molto duri i toni usati dal professore Auriti nei confronti della Banca d'Italia che "pretende interessi su una moneta di cui non ha la proprietà". Il Segretario nazionale del partito della Fiamma tricolore, On. Pino Rauti, ha iniziato porgendo "solidarietà piena, affettuosa, non solo umana ma politica a Giacomo Mancini per quanto letto sui giornali. Se nel dirigere una città come Cosenza - ha detto poi Rauti al Sindaco - Mancini volesse programmare la realizzazione della moneta locale noi potremmo dare indicazioni in merito." Il Sindaco, On. Giacomo Mancini, intervenendo in chiusura di serata ha fatto riferimento ad Antonio Serra, economista cosentino del XVII secolo, che fu probabilmente uno dei primi monetaristi della storia. "Vorrei svecchiare la nostra città - ha detto Mancini rivolto al prof. Auriti - e per questo è necessaria l'utopia, altrimenti il superenalotto ci ucciderà." Il Sindaco, a proposito della politica adottata dalle banche nel meridione, ha provocatoriamente chiesto come mai non vengano pubblicate le liste delle sofferenze bancarie e dei "sofferenti", cioé coloro che non hanno restituito il denaro. "Così noi e, soprattutto i giovani, potremmo capire tante cose." Mancini, infine, ha invitato il prof. Auriti - che ha accettato di buon grado -a tornare in città per tenere corsi aperti ai giovani calabresi. "Le offriamo la disponibilità dell'Amministrazione - ha concluso - e la presenza di una gioventù che fa del cervello un bene prezioso." (29.10.98) a name=solidcons