Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2008

La Dirigente Barresi replica all'articolo di "Calabria Ora" sui PAU

21 mag 2009
“Le varianti alle norme tecniche integrative, adottate con delibera di Consiglio comunale n.90 del 29/11/2007, sono state rivolte ad armonizzare le previsioni urbanistiche con gli elevati valori paesaggistici delle aree comprese nei Piani attuativi di Tenimento, Guarassano, Timpone degli Ulivi e Bivio Donnici. Allo scopo l’Ufficio ha redatto apposite relazioni Paesaggistiche (ai sensi del D.Lgs n.42/02 e s.m.i., art.3 D.P.C.M. 12/12/05) che, nell’ambito di una complessiva organizzazione nei comparti delle zone tutelate, hanno puntato a verificare in ogni comparto la compatibilità degli interventi con le peculiarità degli ambienti su cui ricadono.” Lo afferma l’Arch.Sabina Barresi, Dirigente del settore pianificazione e gestione del territorio del Comune di Cosenza in risposta all’articolo apparso oggi su “Calabria Ora” e relativo ai PAU (Piani attuativi unitari) di Tenimento, Guarassano-Timpone degli Ulivi e Bivio Donnici. “Oggetto degli studi – puntualizza la Barresi – sono stati il rapporto edificio-morfologia del terreno, i caratteri delle tipologie edilizie tradizionali e gli elementi dell’ambiente naturale e antropizzato, senza peraltro trascurare l’importante presenza, ai fini della conservazione e della gestione delle aree stesse, della popolazione presente. Le attività svolte, con il costante conforto degli Enti gestori del vincolo paesaggistico, hanno informato le modifiche e le integrazioni alle norme tecniche integrative. Gli interventi consentiti si muovono nella logica della conservazione, del ripristino delle componenti naturali. In particolare, stabiliscono l’adeguamento degli edifici alla morfologia del terreno, in modo da minimizzare gli scavi e i riporti; e favoriscono le localizzazioni prossime alle strade esistenti al fine di evitare un ulteriore spreco di risorse naturali. Al di là della notevole riduzione volumetrica, particolarmente vistosa nelle colline di Tenimento e Guarassano-Timpone degli Ulivi dove l’indice fondiario di 0,70 mc si riduce a circa lo 0,20 mc, molti altri – prosegue la Dirigente comunale del settore pianificazione e gestione del territorio - sono gli elementi volti ad attuare una tutela mediata, ossia atta ad imporre una serie di divieti, ma anche idonea a fornire indicazioni di dove e come fare che cosa. Relativamente all’attività costruttiva le norme precisano i volumi, le tipologie edilizie, i materiali di costruzione, le finiture e i paramenti esterni deducendoli dalle architetture tradizionali. Sempre riferite al concetto di mantenimento della naturalità dei luoghi – conclude la sua nota di risposta la Barresi - sono le indicazioni normative circa le essenze vegetali, gli spazi di pertinenza, le pavimentazioni che privilegiano la copertura vegetale autoctona e la tutela della permeabilità dei suoli.”