Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2008

Piano regionale mobilità sostenibile: nuova riunione tra gli Assessori dei comuni capoluogo di provincia

21 mag 2009
Una nuova riunione tra gli Assessori alla mobilità dei comuni capoluogo di provincia di tutta la regione si è tenuta nei giorni scorsi a Palazzo dei Bruzi, su iniziativa dell’Assessore alla mobilità del Comune di Cosenza Agostino Conforti. Al centro dell’incontro, l’elaborazione delle linee di indirizzo regionali sulla mobilità, finalizzate alla redazione di un Piano regionale della mobilità sostenibile. Il nuovo confronto ha seguito quello del 29 aprile scorso. Vi hanno preso parte, oltre all’Assessore Conforti, gli omologhi del Comune di Vibo Valentia( Assessore Barbuto), di Crotone (Assessore Nicoscia), di Reggio Calabria (Assessore Canale). Assente, per altri impegni istituzionali, l’Assessore Romeo del Comune di Catanzaro che, comunque, aveva già manifestato adesione all’iniziativa nel precedente incontro. In particolare, gli Assessori hanno convenuto sulla necessità e l’indifferibilità di una programmazione, in materia di mobilità urbana, che non si limiti a trovare soluzioni ai problemi del ripiano delle perdite dei bilanci delle aziende concessionarie del trasporto pubblico locale, ma che abbia riguardo soprattutto alla mobilità sostenibile. A questo proposito sono stati indicati alcuni settori di intervento nei quali far convergere l’impegno comune di tutte le città capoluogo: Bicity, Piedibus, Piste ciclabili, Fondo per l’acquisto di biciclette. Gli Assessori alla mobilità dei comuni capoluogo hanno anche concordato sulla necessità di avviare un Portale della Mobilità Urbana, così come di intensificare la programmazione sul Piano della sicurezza stradale, con relativo potenziamento delle forze di polizia municipale, sul Piano parcheggi delle aree urbane, sulle attività di promozione del trasporto pubblico locale, come gli abbonamenti agevolati per le fasce deboli ed i servizi per le aree delle città disagiate. Altre questioni da affrontare, a giudizio degli assessori alla mobilità, riguardano gli incentivi antismog (rottamazione e piano antismog) e la distribuzione delle merci nelle aree urbane.