Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2008

Appello di Gianluca Greco ai colleghi consiglieri : "rinserriamo le fila e rilanciamo lazione amministrativa"

21 mag 2009
Un appello in piena regola a tutti i consiglieri di maggioranza che hanno sostenuto fino ad oggi il Sindaco Perugini, per rinserrare le fila e rilanciare l’azione amministrativa attraverso l’attuazione del programma del primo cittadino, presentato nel 2006 agli elettori. E’ quello che rivolge ai colleghi della maggioranza di Palazzo dei Bruzi il consigliere comunale Gianluca Greco. “Dobbiamo essere in grado, in questo particolare momento – sottolinea nel suo appello Gianluca Greco – di rasserenare gli animi piuttosto che inasprirli, per portare la discussione su un piano prettamente politico al fine di far rientrare nei ranghi una maggioranza che non c’è e che ha, invece, l’obbligo di dare risposte certe ai cittadini. E’ tempo di chiedere al più presto una riunione con il Sindaco affinché ognuno chiarisca la sua posizione ed i suoi comportamenti nel pieno rispetto delle reciproche prerogative istituzionali. Sulla questione della Presidenza del Consiglio – sottolinea Greco – non ho nulla di personale nei confronti del Presidente Covelli, ma mi sento di dare sin d’ora la mia disponibilità ad assumere la guida del civico consesso anche per soli dieci giorni, se ciò potrà servire a riportare serenità all’interno della maggioranza. Anzi, invito anche gli altri colleghi che intendono assumersi una responsabilità in tal senso a farsi avanti ed a fare altrettanto. Questo consentirebbe al Sindaco di chiudere una fase e di aprirne una nuova.” Fin qui l’appello di Gianluca Greco ai colleghi consiglieri. Ma le dichiarazioni di Greco non finiscono qui. Accanto al richiamo al senso di responsabilità, il consigliere di maggioranza lancia anche l’idea di un patto sociale per la città fissando alcuni punti qualificanti in grado di rilanciare l’immagine di Cosenza. “Il centrosinistra ha l’obbligo di difendere a denti stretti la città e Cosenza è l’ultima legione che non ci si può permettere di consegnare al centrodestra. Per far questo è giunto il momento di discutere seriamente di idee e di progetti. Il nostro patto sociale per Cosenza deve contemperare: l’istituzione di una zona franca urbana nella nostra città; la richiesta al Governo centrale di poter istituire il doppio conio, già in fase di sperimentazione in alcune zone del nostro Paese; l’approvazione di un regolamento che introduca un Piano del colore, manchevole da noi almeno da vent’anni; la valorizzazione secondo criteri meritocratici del personale; un programma forte per la stabilizzazione delle diverse forme di precariato che convivono nella nostra città e, ma non da ultimo, la predisposizione di un piano di investimenti che vada oltre l’ordinaria amministrazione e che sia in grado di garantire servizi efficienti e capaci di soddisfare le legittime e cresciute esigenze della cittadinanza. Nell’adoperarci tutti in questa direzione – sottolinea ancora Gianluca Greco – dobbiamo avvertire l’indifferibile necessità di riportare la città di Cosenza ai livelli, anche e soprattutto culturali, che merita e di cui è intrisa profondamente la sua storia. Recuperando insieme l’identità e l’orgoglio dell’appartenenza. Pertanto – avverte Greco – al bando le polemiche, le frizioni e le incomprensioni. Ora occorre solo parlar chiaro e in modo responsabile, perché la città giustamente esige risposte e noi queste risposte dobbiamo essere in grado di fornire. Invero, questi primi due anni di Amministrazione, con un bilancio quasi totalmente ingessato, sono serviti a riorganizzarsi per ripartire, anche se, obiettivamente, si poteva fare di più. Ma questa è storia passata. Non c’è più tempo per rivangarla. Bisogna, invece, utilizzare adeguatamente quelle opportunità di crescita e di sviluppo che sono ancora a nostra disposizione e non indugiare oltre. Preoccupiamoci, allora, di monitorare i Fondi POR, di tessere un dialogo costante con la Regione Calabria elaborando progetti ed idee che possano veramente interpretare le esigenze della città e tradurli in fatti concreti.”