Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa » Archivio Comunicati Stampa 2007

Perugini sollecita un incontro a Lo Moro e Pelaia sulla situazione all'Ospedale

21 mag 2009
Lettera del Sindaco Salvatore Perugini all’Assessore regionale alla Sanità Doris Lo Moro e al Direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza Cesare Pelaia. Perugini si fa interprete del clima di preoccupazione che si respira in città in merito alla situazione dell’Azienda Ospedaliera e chiede un incontro, da concordare al più presto, “per un esame ed una verifica della situazione e per programmare, nell’immediato, le azioni necessarie a restituire credibilità alla struttura, fiducia e speranza ai cittadini ed a tutti gli operatori sanitari”. Questo il testo della lettera: “Da qualche tempo, da più parti, da cittadini e da operatori medici , colgo una forte preoccupazione, un senso di disagio, una sorta di sfiducia guardando alla situazione in cui versa l’Azienda Ospedaliera di Cosenza. Ciò evidentemente perché ,al di là del recente tragico avvenimento , le cui cause saranno accertate dalla magistratura , si registra un rallentamento nei processi di governo ,politico e amministrativo, in un settore così delicato e primario quale è quello della sanità ospedaliera pubblica. Pur plaudendo per l’impegno di tutti i livelli e per le importanti professionalità esistenti nella struttura ,non si può non rilevare che : -da tempo manca la figura del direttore sanitario titolare ; -mancano ,e non da poco, alcuni primari e tarda la loro sostituzione ,con le inevitabili negative conseguenze sul governo clinico; -si registrano difficoltà negli investimenti tecnologici e nel completamento di strutture idonee ad erogare servizi importanti; -è bloccata l’attività del Centro Trapianti per mancanza del chirurgo abilitato ad eseguire gli espianti; -ancora oggi non ha trovato concreta attuazione,pur esistendone le possibilità ,la indifferibile esigenza , di attivare la unità operativa di cardiochirurgia. Certo le difficoltà sono note a tutti . Ci sono problemi che vanno affrontati e risolti con lo strumento del Piano Sanitario Regionale, che mi auguro presto possa essere approvato ;ce ne sono altri che attengono di più alla quotidianità ed ordinarietà delle decisioni amministrative e cliniche. Su entrambi i fronti occorre una forte accelerazione con immediata assunzione di responsabilità per le scelte che a ciascuno compete di fare. Non possiamo né dobbiamo alimentare la sfiducia ;al contrario siamo tutti chiamati ad un maggiore impegno perché la domanda di buona sanità e di tutela della salute richiede risposte prioritarie ed urgenti. Con questo spirito costruttivo e collaborativo , senza animo polemico o ,peggio ,deprecabili strumentalità , nel rispetto di tutte le prerogative istituzionali e quindi bandendo ogni forma di indebita interferenza ,reputo utile e necessario concordare un incontro ,anche in questo concomitante periodo feriale ,per un esame ed una verifica della situazione e per programmare, nell’immediato ,le azioni necessarie a restituire credibilità alla struttura ,fiducia e speranza ai cittadini ed a tutti gli operatori sanitari. Sono certo che la Vostra sensibilità si incrocia con le riflessioni che ho inteso rassegnare e che quindi presto ci incontreremo. Comprenderete che il Sindaco della Città,che è la prima autorità sanitaria del Territorio , oltre che per sensibilità, ha il dovere istituzionale di stimolare iniziative concrete a tutela della salute pubblica. Resto in attesa di riscontro e invio i più cordiali saluti. Avv.Salvatore Perugini”