Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa

A Invasioni scocca l'ora dei Marlene Kuntz, domani in concerto

26 lug 2011

Cresce l'attesa in città e nell'area urbana per l'appuntamento di domani, 27 luglio, del cartellone musicale del festival delle Invasioni.

Di scena, alle 22,30, sul palco di Piazza XV marzo, i "Marlene Kuntz", band tra le più apprezzate e seguite della scena rock italiana.

Per l'occasione, le Amministrazioni comunali di Cosenza e Rende hanno allestito un bus navetta gratuito del Consorzio Autolinee che partirà alle 21,00 dalle pensiline dell'Università della Calabria alla volta della location del concerto.

Il ritorno all'Università da Piazza XV Marzo è previsto intorno a mezzanotte e mezza, al termine dell'esibizione della rock band.

Forti di un back-ground, oramai consolidatosi, che li vede affacciarsi sulla scena rock nel 1990 per opera del chitarrista Riccardo Tesio e del batterista Luca Bergia, cui si aggiunge strada facendo il chitarrista e cantante Cristiano Godano, i "Marlene Kuntz" hanno oggi all'attivo otto album registrati in studio, l'ultimo dei quali, "Ricoveri virtuali e sexy solitudini", uscito nel novembre del 2010, si caratterizza per un deciso ritorno alle atmosfere rock.

Della loro discografia, che comprende anche diversi live, l'album "Ho ucciso Paranoia", del 1999, fa registrare un grande successo di pubblico, arrivando al sesto posto della classifica dei dischi più venduti ed è accolto dalla stampa specializzata come la prova più matura del gruppo.

Di particolare rilievo anche l'unione tra i Marlene Kuntz e il cinema.

Il regista Guido Chiesa sceglie la loro musica come colonna sonora del lungometraggio "Babylon". Un paio di loro brani compaiono anche in "Jack Frusciante è uscito dal gruppo" di Enza Negroni, film tratto dal romanzo di Enrico Brizzi. Nel 1997 è la volta di "Tutti giù per terra", diretto da Davide Ferrario, tratto dal romanzo di Giuseppe Culicchia.

Il coronamento della collaborazione con il mondo del cinema arriva con la nomination al David di Donatello ricevuta da "Canzone in prigione", brano scritto e interpretato dai "Marlene Kuntz" per il film "Tutta colpa di Giuda" ancora di Davide Ferrario.

Nel 2003 viene pubblicato "Senza peso", album registrato nel prestigioso Tritonus Tornstudio di Berlino. Anche questo album entra nella top ten di vendita, dopo "Che cosa vedi" che aveva superato il traguardo delle 50 mila copie.

Incluse nel disco "Fingendo la poesia", si ritrovano le coinvolgenti reinterpretazioni di due celeberrime canzoni, come "Non gioco più" e "Alle prese con una verde Milonga", pescate rispettivamente dal repertorio di Mina e Paolo Conte.

E' questa la prima avvisaglia della collaborazione che il gruppo intreccerà proprio con Paolo Conte che parteciperà, insieme a Greg Cohen (contrabbassista di Tom Waits) all'album "Uno", del 2007, prodotto da Gianni Maroccolo che aveva debuttato, qualche anno prima, nell'inedita veste di bassista nell'album "Bianco sporco".

 

 

Gli altri appuntamenti di domani : Alle ore 21.30, all'Arenella" per la rassegna "Cinema... amore mio" saranno proiettati: "Raccolta n°1" di G. Colonese e "Cinema multi verso" di Orazio  Garofalo;

Subito dopo, in programma una notte di video art, dal titolo "Interferenze", con lavori di Asia Argento, Studio Azzurro e Ciprì e Maresco, i creatori di "Cinico Tv".

 A seguire, il documentario "L'orchestra di piazza Vittorio" di Agostino Ferrente, dedicato all'orchestra multietnica diretta da Mario Tronco.

Dalle ore 24,00 in Villa Vecchia, consueto appuntamento con il dj set dei "Mujina Crew".