Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa

Katia Ricciarelli è "Gloriosa" al teatro Rendano

20 feb 2009

Una famosa e brava cantante lirica che interpreta la peggiore soprano del mondo, Florence Foster Jenkins. Irrimediabilmente stonata ma convinta di essere una grande interprete perchè il pubblico si affezionò a quell'originale personaggio e nell'America degli anni '30 e '40 le attribuì un successo strepitoso. Insomma, a modo suo, la Jenkins fu una grande diva.

Singolare, dunque - ma a quanto pare azzeccatissima - la scelta dello spettacolo, firmato dall'inglese Peter Quilter, con il quale Katia Ricciarelli debutta nella prosa.

La piéce "Gloriosa", in tournée italiana dalla scorso anno, ovunque ha registrato una calorosa accoglienza. Da tutti apprezzata la verve comica della Ricciarelli attrice, che non è comunque difficile attribuirle, avendola vista in tante uscite televisive in cui ha sempre dimostrato  di possedere senso dello humour ed intelligente ironia.

Molta curiosità accompagna anche la tappa cosentina dello spettacolo, al teatro Rendano nel week- end carnevalesco. Sabato 21 la serale (20,30), domenica 22 la replica pomeridiana (18,00).

Collaudati compagni di viaggio affiancano la protagonista: Fioretta Mari che invitiamo a vedere sul palcoscenico, soprattutto i giovanissimi  che la conoscono per essere l'insegnante di dizione e recitazione nella scuola di "Amici", e poi Gianni Garko, Filippo Sandon, Barbara Begala e Rita Montes.

Ma non dimentichiamo che al centro della vicenda c'è comunque la musica. Anticipiamo alcuni brani: l'Aria della Regina della Notte, di Mozart e, a chiusura spettacolo, un duetto registrato dalla Ricciarelli con il Maestro Pavarotti, di Vissi d'arte, dalla Tosca di Puccini.

Nella sua versione originale Glorious! èandatain scena per la prima volta a Londra nel novembre 2005. Al di là dei risvolti schiettamente ironici, la pièce è anche una riflessione sulla sproporzione tra aspirazioni e mezzi,  un contrasto che la protagonista gestisce con difficoltà, ritrovandosi perennemente in bilico tra pose eccentriche ed esiti patetici.

La regia della versione italiana è di Enrico Maria Lamanna. Lo spettacolo è presentato da Area TeatroMusica

Biglietti ancora disponibili al botteghino del teatro.