Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa

L' «invasione» di Rocco Papaleo, il suo cinema, la sua musica, l'arte della narrazione

25 lug 2011

Uno ed uno soltanto sarà domani, 26 luglio, il protagonista delle Invasioni cosentine, edizione 2011. È il poliedrico Rocco Papaleo - cantautore, interprete cinematografico, teatrale e televisivo, regista.

Cosenza gli dedica una serata, cominciando dalla rassegna cinematografica di piazza Arenella, che ha in cartellone la proiezione di "Basilicata coast to coast", il film che lo ha visto debuttare come regista. Prima del popolare film si presenta il video, girato dallo stesso Papaleo, per la canzone  "Lontano da tutto", di Serena Abrami, brano di Niccolò Fabi con il quale l'artista, uscita dalla scuderia di Xfactor, è arrivata in finale all'ultimo Sanremo, nella sezione giovani.  All'Arenella scatta il fuori programma che sarà sicuramente molto apprezzato dal pubblico cosentino. Rocco Papaleo, infatti, accompagnato dalla Abrami, incontrerà pubblico e stampa alle ore 21.00.

Piazza XV marzo, è invece la location per lo spettacolo/concerto dell'artista lucano, dal titolo emblematico, La fantasia mi consola, un "esperimento,  lo definisce lo stesso Papaleo, di teatro-canzone dove la narrazione entra ed esce dal modulo canzone. Canzoni alternate da piccoli viaggi intorno alle persone e alle cose che le hanno ispirate.   Storie buffe e romantiche che vogliono divertire ma non solo. Sarebbe bello potesse essere accolto come una lunga poesiola che attraversa tutti i climi. Amo il cinema, ma ho bisogno del palcoscenico - scrive Papaleo. Chiedetevi cosa vuole un attore dal teatro. Vuole che quando prende una pistola e spara i vostri cuori abbiano un sussulto. E quando muore vuole che soffriate perché non potrete più vederlo fino alla sera seguente. E se invece della pistola prende una chitarra spera che le note si accordino ai vostri sentimenti". Una vera e propria dichiarazione d'amore al teatro quella di Rocco Papaleo:  "Il teatro ha la forza del presente, è mentre sta accadendo, è vivo e in vista. Ed  ha bisogno di una cosa sola: della vita. Per questo la vita ha bisogno del teatro. E sarà sempre cosi."

 

La notte si chiude sempre in Villa Vecchia, alla mezzanotte. Il Dj set è di Cappuccino Kid.