Comune di Cosenza

cinema italia intitolato ad aroldo tieri

Castello
Città di Cosenza
Notizie - Archivio Comunicati Stampa
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » Archivio Comunicati Stampa
.
cinema italia intitolato ad aroldo tieri
08-10-2008

Il Cinema Italia intitolato ad Aroldo Tieri, alla presenza di Giuliana Lojodice e Fausto Bertinotti e del Presidente della Regione Agazio Loiero

 

Da oggi il Cinema Italia di Cosenza diventa Cinema "Italia Aroldo Tieri".

La cerimonia ufficiale di intitolazione della struttura di Piazza Amendola, di proprietà della Regione, ma concessa in uso al Comune di Cosenza, si è svolta questo pomeriggio nel corso di una manifestazione voluta dal Sindaco Salvatore Perugini e dalla Regione Calabria, rappresentata dalla sua massima carica, il Presidente della Giunta Agazio Loiero.

Alla cerimonia, seguita da un foltissimo pubblico, hanno preso parte due ospiti d'eccezione : l'attrice Giuliana Lojodice,  inseparabile compagna di Aroldo Tieri, nella vita come nella scena che li ha visti recitare insieme per 40 anni, e l'ex Presidente della Camera dei Deputati Fausto Bertinotti, legato da lunga amicizia con il grande attore di Corigliano Calabro.

La manifestazione è stata introdotta e moderata, con grande competenza, dal critico cinematografico e storico dello spettacolo Ugo G.Caruso, cosentino da tempo trapiantato a Roma, ed ha visto la partecipazione, oltre che del Presidente della Regione Loiero, anche del Rettore dell'Università della Calabria, Prof.Giovanni Latorre.

L'ufficialità della manifestazione è stata sottolineata dalla presenza sul palco dei gonfaloni della città di Cosenza e della Regione Calabria e del Comune di Corigliano Calabro dove Tieri era nato.

Prima degli interventi degli ospiti è stato proiettato, in versione ridotta, il film documentario "Buonasera Aroldo, Buonasera Giuliana" di cui è autrice la regista e giornalista Anna Testa e che fu proiettato per la prima volta il 15 maggio del 2007 alla serata-tributo dedicata ad Aroldo Tieri dal Teatro Eliseo di Roma, che nel 1938 tenne a battesimo il debutto dell'attore calabrese. Alla serata del maggio 2007 partecipò il gotha del teatro italiano ed intervenne anche il Presidente della Giunta regionale della Calabria Agazio Loiero.

Il film della Testa, che ha attinto a piene mani agli archivi delle Teche RAI recuperando materiale preziosissimo, ha mostrato al pubblico cosentino un condensato delle più significative interpretazioni teatrali, cinematografiche e televisive del grande attore calabrese: da un gradevolissimo brano tratto da "Il Musichiere" del 1958 nel quale Aroldo Tieri è impegnato in un gustoso siparietto musicale con Arnoldo Foà ed Antonio Cifariello; a una delle sequenze più godibili di "Totò sceicco" del 1950 in cui interpreta il marchesino Gastone che si arruola nella legione straniera e che il grande Totò è incaricato di riportare a casa.

E poi i memorabili pezzi di teatro con accanto la Lojodice: "Care conoscenze, cattive memorie" di Horovitz (del '96), "Le bugie con le gambe lunghe" di Eduardo De Filippo (del '92). Per arrivare alla scena del film "Un angelo è sceso a Brooklyn" addirittura accanto a Peter Ustinov.

La commozione ha preso il sopravvento quando nel film di Anna Testa si è vista Giuliana Lojodice intonare e dedicare ad un Tieri molto coinvolto la canzone "Quanto t'ho amato" di Roberto Benigni, Vincenzo Cerami e Nicola Piovani.

Subito dopo il filmato è toccato al Sindaco Salvatore Perugini fare gli onori di casa e prendere per primo la parola.

"Il Cinema Tatro Italia - ha esordito il Sindaco - è un bene storico ed identitario della nostra città. Per molte generazioni ha rappresentato un importante punto di riferimento, insostituibile nei processi di formazione culturale. Oggi - ha detto ancora Perugini - si concretizza un progetto che tiene insieme la tradizione dei luoghi, la memoria storica dei nostri grandi talenti e si coniuga con l'ambizione di guardare al futuro per rilanciare la valorizzazione di nuovi percorsi culturali. Il Cinema Teatro Italia viene intitolato ad Aroldo Tieri non solo per una questione legata alle origini del grande attore, ma anche e soprattutto per l'altissimo contributo che Aroldo Tieri ha dato all'affermazione della cultura teatrale e cinematografica di tutto il Paese, dando lustro alla nostra regione ed imponendosi come una delle espressioni artistiche più elevate del Novecento. Tieri - ha aggiunto Perugini -  ha segnato indelebilmente la storia del teatro italiano, punteggiandola con un suo stile inimitabile, fatto di una signorilità ed una raffinatezza degne di ammirazione cui si accompagnava il rigore dell'attore sempre proteso verso la perfezione. Il suo eclettismo e la sua versatilità sono da considerare qualità rare. Come pochi, Tieri seppe attraversare con il medesimo rigore e la medesima tensione recitativa tutti i generi artistici: dal teatro, al cinema, alla televisione, alla radio.La sua abilità era proprio questa: passare con una disinvoltura senza pari dal registro drammatico o addirittura tragico di alcuni lavori teatrali a quello lieve ed ironico dei film con il grande Totò, ai quali sapeva comunque conferire una incredibile dignità interpretativa. Chi ha memoria dei  frequenti ritorni al "Rendano" di Cosenza non può non ricordare. Ad Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice l'Amministrazione Comunale del tempo - ha sottolineato ancora Perugini - diede il compito di riaprire al pubblico il nostro Teatro di tradizione, dopo una breve parentesi di chiusura dovuta a lavori di ristrutturazione. Anche allora ci venne regalata una serata emozionante, un recital studiato per l'occasione. E fu un evento. Sempre in quella circostanza, si ricorda un lungo sfogo di Tieri durante la conferenza che precedette lo spettacolo, nel quale manifestò, senza reticenze, la preoccupazione per il fatto che il teatro italiano cominciava a non essere più lo stesso. Una preoccupazione ricorrente, questa, con cui, insieme ad un sentimento di amarezza, guardava ai mutamenti del sistema teatro in Italia, invocando, ogni volta che se ne presentava l'occasione, il ritorno della gestione dei teatri nelle mani di chi il teatro lo fa. Ora - ha detto inoltre Perugini - dobbiamo aprire una nuova fase che deve rilanciare l'idea dei sistemi teatrali e dei luoghi della cultura, di cui è ricca la Città, l'Area Urbana, l'Università. Questo luogo, che ha visto arrivare a Cosenza negli anni Sessanta i cosiddetti pèplum, cioè i film ispirati alla storia e ed alla mitologia greco-romana, che ha avuto il merito di far conoscere negli anni Settanta il talento di registi come Herzog, Fassbinder, Jodorowsky, deve vivere e pulsare come e meglio di prima. La nostra Città dovrà ospitare negli anni prossimi grandi eventi culturali:nel 2009, il Cinquecentenario della nascita di Telesio, i cento anni del Teatro Rendano; nel 2010, il milleseicentesimo anniversario nella morte di Alarico. Eventi per la cui celebrazione necessitano luoghi che ci sono, importanti e significative collaborazioni tra le Istituzioni pubbliche e private del nostro territorio. Sono certo che non mancherà il sostegno dei sistemi di governo del territorio. Il fatto che la nostra programmazione inizi nel nome di Aroldo Tieri ci riempie di speranza e di entusiasmo e, sono certo, illuminerà il nostro cammino."

"Aroldo Tieri - ha poi affermato nel suo intervento il rettore dell'Università Giovanni Latorre - ha dato molto alla cultura italiana, al nostro Paese ed alla nostra regione. Di lui mi ha sempre colpito il grande attaccamento alla sua terra d'origine. Tutto questo deve indurci alla riflessione, specie oggi che non è facile sentirsi calabresi. Partire dai nostri uomini illustri - ha aggiunto Latorre - è un fatto molto significativo perché aiuta a ricostruire la nostra identità. Puntare sulla cultura è oggi fondamentale ed in questo settore la città di Cosenza ha molto da giocarsi. I teatri di cui dispone Cosenza, ma anche Rende e l'Università che dopo il "Piccolo Teatro" si appresterà ad inaugurare un grande Teatro-auditorium di 750 posti, rappresentano un patrimonio importante che dobbiamo essere in grado di mettere a frutto."

Ha toccato le corde dell'emotività di tutti i presenti l'intervento di Giuliana Lojodice che, come giustamente ha affermato lo storico dello spettacolo Ugo G.Caruso, ha formato con Aroldo Tieri "una coppia sovrana del teatro italiano, come quella rappresentata da Paolo Stoppa e Rina Morelli". La signora Lojodice ha auspicato che Cosenza possa presto ospitare la Mostra, curata da Antonio Panzanella, autore di ben due libri sull'attore calabrese, già ospitata a Roma durante la sindacatura di Walter Veltroni. Poi si è lasciata andare ai ricordi ed ai racconti. "Ho fatto mio il suo stile, seguendone l'esempio nella vita e sulla scena." Parlando del suo partner inseparabile la Lojodice ha sottolineato che "Aroldo era un ragazzo, e così è rimasto sempre, fino all'ultimo, pieno di curiosità, allegria e quella pigrizia tutto sommato calabrese, quella pigrizia che io, che per sua definizione ero il suo fiammifero, ero riuscita in qualche modo a scrollargli un po' di dosso. Non era però pigrizia; in realtà si trattava di momenti di pausa e di riflessione che ogni tanto si concedeva, perché era anche pieno di paure e voleva comprendere cosa poteva ancora regalare al suo pubblico. Era per me la roccia alla quale mi appoggiavo. Oggi che mi trovo da sola, comprendo cosa significa la responsabilità della prim'attrice. Mi ha fatto sentire la sua donna, ponendomi al centro della sua vita nella quale abbiamo condiviso gioie e dolori." Poi la Lojodice ha chiuso il suo intervento con un messaggio alle giovani generazioni: "consiglio ai giovani di avere la curiosità di sapere chi è stato questo grande artista, questo grande uomo. Torno a Roma con un grande regalo. Aroldo Tieri non se n'è andato, ha semplicemente lasciato il suo corpo".

La grande popolarità di Aroldo Tieri è stata messa in luce dal Presidente della Giunta regionale Agazio Loiero. "Ho avuto la dimensione esatta della sua popolarità in occasione della serata tributo del Teatro Eliseo, alla quale erano presenti tutte le istituzioni, a cominciare da Ciampi, i più grandi registi ed attori italiani e tutti coloro che lo avevano amato. Ebbi allora - ha raccontato Loiero - un supplemento di fierezza in più. Tieri era un attore a tutto tondo". Il Presidente Loiero ha poi messo in evidenza il rapporto simbiotico di Tieri con Giuliana Lojodice. "Una simbiosi - ha detto - che dura anche oltre la morte. Era l'attore per eccellenza, colto, attento, curioso, dal forte legame con la propria terra che aveva rinverdito a Corigliano dove aveva festeggiato le nozze d'oro con il teatro. In questo momento, apparentemente difficile - ha affermato ancora Loiero - bisogna ribadire la nostra storia e la nostra identità, il nostro essere calabresi, sedimentare quella infinita pletora di sentimenti che rendono unico chi è calabrese."

Ha iniziato il suo intervento con una battuta Fausto Bertinotti, legato da grande amicizia e profonda stima ad Aroldo Tieri: "ai calabresi che sono qui dico di non esagerare a sovrastimarsi. Non basta essere calabresi per essere Aroldo Tieri; aiuta, ma non basta." Bertinotti ha dato il suo contributo su come Aroldo Tieri intendeva il teatro e la professione. "La qualità del lavoro di attore e la sua professionalità - ha detto l'ex Presidente della Camera - era la condizione alta della propria realizzazione, quel che si dice il "mestiere". La calabresità è una potenzialità, un dono che si ha a disposizione, ma che si deve mettere a frutto. Tieri è uno di quegli uomini che hanno saputo tesaurizzare questa possibilità." Bertinotti si è detto lieto di partecipare alla reintitolazione del Cinema Italia che "ha un nome d'altri tempi e che fa pensare al Paese dei mille comuni e dei mille campanili, ai cinema di provincia che avevano più o meno questo stesso nome." Tornando a Tieri, Fausto Bertinotti ha affermato che "era un attore di tale intelligenza da potersi permettere di tutto, anche la rivista ed i film con Totò. Aveva un coraggio intellettuale. Così come è stato un calabrese "sorvegliato" senza bisogno di esibirlo, Tieri era un uomo ed un attore di grande passione civile" La chiusura dell'intervento di Bertinotti è dedicata al ruolo della cultura in questo momento particolare del nostro Paese. "La cultura deve essere la leva di una nuova organizzazione dell'economia e della società. L'arte e la cultura devono essere le questioni di ogni giorno e non solo del giorno di festa al fine di far crescere il Paese in un contesto diverso da quello attuale."

Prima della cerimonia ufficiale di intitolazione del Cinema Italia ad Aroldo Tieri Fausto Bertinotti e Giuliana Lojodice erano stati ricevuti, nel primo pomeriggio, a Palazzo dei Bruzi dal Sindaco Perugini, dagli Assessori della Giunta e dal Presidente del Consiglio Comunale Pietro Filippo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - IBAN - Fatturazione Elettronica

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it