Comune di Cosenza

Consegnati a Palazzo dei Bruzi i Premi Cultura "Dante Alighieri". I riconoscimenti a quattro eccellenze della nostra città

Duomo
Città di Cosenza
Notizie
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
.
Consegnati a Palazzo dei Bruzi i Premi Cultura "Dante Alighieri". I riconoscimenti a quattro eccellenze della nostra città
il Sindaco Occhiuto con i premiati
11-11-2018

Sono stati assegnati all’anatomopatologo Francesco Callea, alla giornalista del TG1 Laura Chimenti, al docente universitario italo-canadese Gabriel Niccoli e alla cantante Rosa Martirano i premi Cultura “Dante Alighieri” per il 2018.
La cerimonia di consegna ha avuto luogo ieri sera nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi e la manifestazione è stata promossa dal Comitato di Cosenza della Società “Dante Alighieri”, presieduto da Maria Cristina Parise Martirano, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, rappresentata ieri dal Sindaco Mario Occhiuto e dal Vicesindaco e Assessore alla Cultura, on.Jole Santelli.
La cerimonia, brillantemente condotta dalla giornalista Iole Perito, si è aperta con il saluto della Presidente del Comitato cosentino della “Dante”, Maria Cristina Parise Martirano che ha ricordato il nuovo corso della Società con la presidenza del prof.Andrea Riccardi che ha orientato le azioni del sodalizio “dall’Italnostalgia all’Italsimpatia”. “Forse il premio – ha spiegato Parise Martirano - nasce da un peccato di orgoglio, perché scaturisce dalla convinzione che sono tanti i cosentini di nascita o di origine, del passato e del presente, che possono essere additati come modelli su cui richiamare l’attenzione soprattutto dei nostri giovani. In linea con le finalità stesse della Società Dante Alighieri che promuove la lingua e la cultura italiane in tutte le sue manifestazioni nel mondo, il Comitato di Cosenza ha voluto ritagliarsi, con i premiati di questa VI edizione, un suo spazio per mettere in evidenza il contributo che la cosentinità ha dato non solo all’Italia, ma anche al resto del mondo”.
Il Sindaco Mario Occhiuto si è detto onorato di ospitare nella casa comunale la cerimonia conclusiva del Premio “Dante Alighieri”. “Da 7 anni, da quando sono Sindaco – ha detto Occhiuto – il tema della crescita e dello sviluppo culturale della nostra comunità ci è stato sempre a cuore ed è stato al centro dei nostri programmi. Noi lo abbiamo coltivato e tenuto presente, pur non senza sforzi, a causa dei fondi molto limitati che, in un settore così importante, vengono destinati dallo Stato agli enti locali. Ciò nonostante il Comune di Cosenza è stato premiato, nel 2015, allo SMAU di Napoli per l’esperienza delle residenze artistiche dei BoCS Art. La cultura – ha aggiunto il Sindaco Occhiuto – è assolutamente fondamentale per la crescita di una comunità”. Ed ha ribadito che l’Amministrazione comunale ha fatto di tutto perché tutto questo fosse possibile, ricordando i numerosi progetti culturali avviati, il restauro degli edifici storici, a partire dal Castello Svevo e dalla sua valorizzazione. “Quel che più conta – ha detto ancora il primo cittadino – non è tanto il valore economico che può derivare dalla valorizzazione di un bene, ma il suo valore culturale, perché è quello che è in grado di sviluppare il rapporto identitario che lega quel bene alle persone di una comunità, radicando lo spirito di appartenenza al territorio”.
Congratulandosi con i premiati e ringraziandoli per il loro impegno nei campi più disparati, il Sindaco Occhiuto si è detto orgoglioso di questi “cosentini eccellenti che hanno dato il loro contributo culturale non solo alla loro città di appartenenza ed alla Calabria, ma al mondo intero”. Citando Giorgio La Pira, Occhiuto ha concluso il suo intervento sottolineando che “i cittadini sono come gli alberi che hanno le radici trapiantate nel loro territorio. Anche se sono lontani, avvertono forte il legame di appartenenza”.
Il Vicesindaco e Assessore alla cultura, on.Jole Santelli, dopo aver ringraziato la Presidente del Comitato di Cosenza della Società “Dante Alighieri”, Maria Cristina Parise Martirano, “per l’entusiasmo con cui persegue gli obiettivi propri della associazione di cui è a capo e per il coinvolgimento della città in sempre nuove sfide culturali, ha sottolineato che “Cosenza è la città che investe maggiormente in cultura. Abbiamo investito e continueremo ad investire nel suo passato, ma anche nel suo futuro. La cultura – ha aggiunto Santelli – non può non andare a braccetto con l’identità di una comunità e quando si è impegnati nel tentativo di creare una comunità non si può prescindere dal ricostruirne l’identità. Chi, come i premiati con il “Dante Alighieri”, è riuscito ad avere successo, anche altrove, è per noi motivo di orgoglio e se torna per abbracciare la sua città è per dire : “io ci sono!”.
La cerimonia, dopo i saluti istituzionali, ha riservato spazio alla ricostruzione dei profili dei premiati e del loro impegno nei campi professionali più diversi: dalla medicina al giornalismo, dall’attività accademica, alla musica. Per rendere tutto più friendly, ogni premiato è stato introdotto da un breve videoclip che ne ha riassunto la carriera e la molteplicità delle attività svolte e nei particolari si è entrati grazie alle efficaci interviste di Iole Perito. E così l’anatomopatologo Francesco Callea, direttore per lungo tempo delle Anatomie Patologiche dei maggiori Ospedali Pediatrici italiani (dall'Istituto “Gaslini” di Genova al “Bambin Gesù” di Roma) e degli Spedali Civili di Brescia, ha raccontato del suo impegno umanistico ed umanitario in Tanzania, quasi una sua second life, grazie al quale è riuscito ad attivare un laboratorio di Virologia Molecolare per la diagnosi ed il monitoraggio dell’infezione da HIV in un villaggio che ospita bambini HIV positivi orfani di entrambi i genitori. Per affrontare il grave problema legato alla carenza di patologi (in Tanzania il rapporto è di 22 patologi per 53 milioni di abitanti), Callea ha, inoltre, promosso la fondazione di una Scuola di Specializzazione con criteri moderni dove insegna un corpo docenti composto da un gruppo di patologi, tra i maggiori in Italia e in America, che hanno entusiasticamente aderito per spirito di amicizia oltre che per vocazione. E proprio al fine di supportare questa scuola di specializzazione il dottor Francesco Callea, alla fine del 2017, con alcuni compagni di liceo, ha fondato a Cosenza l’Associazione ONLUS, “Friends Raising” che, come dice lo stesso nome, ha chiamato a raccolta un gruppo di amici per condividere un progetto dalle spiccate caratteristiche umanitarie.
Anche se la sua attività medica e sociale lo porta spesso “a timbrare il cartellino a Sud dell’Equatore” – come, con efficace espressione, ha sottolineato – Francesco Callea è legatissimo alla sua Cosenza e ieri sera lo ha ribadito ancora una volta quando, prima di ultimare il suo intervento, ha ammesso: “il posto dove si nasce rappresenta le radici e le mie radici sono qui, a Cosenza”.
Ieri sera c’era molta attesa per il premio “Alighieri” conferito a Laura Chimenti, volto notissimo e di punta del TG1, testata ammiraglia della RAI.
Nonostante la Chimenti abbia più volte ricevuto premi giornalistici, anche molto prestigiosi, quello di ieri a Cosenza, la città dei suoi genitori, ha assunto un significato particolare. Rispondendo alle domande di Iole Perito, Laura Chimenti ha ricordato la sua prima conduzione del TG1 delle 20,00 quando il suo direttore di dieci anni fa le propose, quasi “a bruciapelo” di buttarsi nella mischia. Una sfida che accettò, avendo spalle forti, e che le aprì le porte del successo. Entusiasta del fatto che la cultura sia tornata in RAI in prima serata, grazie ai programmi di Piero ed Alberto Angela, Laura Chimenti ha poi dedicato parole di apprezzamento verso la città di Cosenza. “E’ meravigliosa e sprizza cultura da tutti i pori”. E si è detta favorevolmente colpita dalla bellezza del MAB, invitando il Sindaco Occhiuto a proseguire sulla strada intrapresa. Chi è ormai non più ancorato all’idea del nostos , del ritorno alle origini, per il fatto di tornare nella sua nativa Grimaldi almeno quattro volte all’anno, è il prof.Gabriel Niccoli, ordinario, ora emerito, in entrambi gli atenei di Waterloo, in Canada: l’Università Cattolica dove ha diretto il dipartimento di Italianistica e Francesistica per quasi venti anni, e l’Università di Waterloo dove insegna ai corsi post laurea in letteratura francese, inglese e comparata. Niccoli non ha mai reciso il cordone ombelicale con la propria terra, anche perché tiene saltuariamente lezioni all’Università della Calabria con la quale mantiene saldi ed attivi rapporti di scambio culturale. Alla domanda di Iole Perito sullo stato di salute della lingua italiana in Canada ha risposto che “vive una stagione splendente in Ontario, non solo nell’Università, ma anche nei licei. La lingua e la cultura italiane – ha aggiunto Niccoli – sono considerate una lingua e una cultura d’arte e proprio per questo godono di una considerazione ancora maggiore della lingua e cultura francesi. E anche se si dice convinto del nostro primato, fa ricorso ad un poeta francese, Paul Valery per sottolineare il suo legame con la terra d’origine: “Ognuno di noi ha un paese dentro”.
Orgogliosa di figurare tra tante eccellenze si sente la cantante Rosa Martirano che, ricostruendo come tutto ebbe inizio, richiamando il titolo di un suo album, dice che “La curpa è di l’amuri”. Senza l’amore e senza la passione non si sarebbe avvicinata alla musica. Quella musica che ne ha fatto una delle artiste più versatili, capace dei più diversi registri vocali che le consentono di passare con grande disinvoltura dal jazz al pop d’autore, alla bossa nova, nonostante la sua estrazione classica, essendo diplomata in canto lirico al Conservatorio “Giacomantonio” di Cosenza. Nonostante abbia collaborato anche con grandi nomi del jazz, uno su tutti l’armonicista belga Toots Thielemans, per presentarsi al pubblico del premio “Dante Alighieri” Rosa Martirano sceglie la clip che la ritrae insieme a Claudio Baglioni, ai tempi della loro significativa collaborazione. Immagini che suscitano in sala più di un’emozione. Anche se spesso in tournèe lontano da Cosenza, Rosa Martirano spiega che “non posso stare troppo lontana dalle mie radici che mi danno la forza e l’energia per liberare la mia creatività”. E il legame forte con la propria terra lo dimostra anche il fatto che a Rosa Martirano piace molto utilizzare il dialetto nelle sue canzoni, cosa che sta facendo anche in questo periodo in un progetto, “Le mie Calabrie” che la vede impegnata con il maestro Peppe Vessicchio, con cui collabora molto spesso, in una sorta di ricerca della valorizzazione dei suoni del Sud e di quella world music data dalla contaminazione di diversi generi musicali. Prima di congedarsi dal pubblico Rosa Martirano ha ancora in serbo due sorprese. La prima è una rivelazione inedita: solo di recente e per puro caso, trovando sulla rete un video di “Repubblica”, ha scoperto che un brano scritto da lei per lo “Zecchino d’oro”, Forza Gesù!”, ha spopolato in Cina dove è stato eseguito da un coro di bambini all’arrivo del Presidente della Repubblica Mattarella. L’altra sorpresa ha suggellato, invece, la serata, con l’esecuzione della famosa canzone dei Matia Bazar, “Vacanze Romane”, interpretata magistralmente proprio da Rosa Martirano.





 

Autore: Giuseppe Di Donna

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Santelli e Occhiuto con Babbo Natale alla Mostra L
15-12-2018 -
Non sarebbe Natale se non avesse in sé il fascino del sogno, della luce, dei colori della speranza ....
locandina il giardino incantato una favola di citt
15-12-2018 -
C’è un giardino incantato dei bambini che sta per aprire i battenti. E’ quello che ....
cose belle festival
13-12-2018 -
“Creatività e design: le leve per innovare e creare valore." E’ questo il tema del ....
Conferenza Buone Feste Cosentine 2018 2019
10-12-2018 -
Dall’Immacolata - con il rito collettivo dell’accensione del grande albero sul corso principale ....
la Festa ebraica delle luci
05-12-2018 -
“Siamo sempre in soggezione dinanzi alla grande cultura ebraica, madre di tutte le religioni monoteistiche. ....
la locandina di \
04-12-2018 -
Torna a Cosenza “Cose Belle Festival”, l'evento dedicato alla creatività e al design ....

Eventi correlati

Data: 30-05-2018
Luogo: Museo dei Brettii e degli Enotri
Data: 20-01-2018
Luogo: Municipio Cosenza
- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - IBAN - Fatturazione Elettronica

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it