Comune di Cosenza

La Festa delle Invasioni 2012 nel segno del tesoro di Alarico: ricchezza, diversità e contaminazioni. Anche con il Peperoncino Jazz Festival

Duomo
Città di Cosenza
Notizie
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
.
La Festa delle Invasioni 2012 nel segno del tesoro di Alarico: ricchezza, diversità e contaminazioni. Anche con il Peperoncino Jazz Festival
Fesra delle Invasioni 2012 conferenza stampa
28-06-2012

Ospitalità verso lo straniero, tolleranza, aperture multietniche, scambi e contaminazioni culturali, identità locale sono i tratti distintivi della Festa delle Invasioni 2012 presentata questa mattina nel salone di palazzo dei Bruzi, rassegna che è diventata negli anni simbolo di rinascita della città di Cosenza e che torna in questa edizione ad affermare la propria valenza con la firma del team storico (responsabile del progetto è Luca Ardenti) che quindici anni fa ne aveva segnato l’idea innovativa e lungimirante, oggi riproposta con forte convinzione dal sindaco Mario Occhiuto.
In un programma condensato in poche ma significative date, a cominciare dal prossimo 2 luglio, la zona antica di Cosenza ospiterà, fra gli altri, gli Asian Dub Foundation, riconosciuti come una delle migliori band dal vivo del mondo e noti per le loro campagne per i diritti umani, poi il Teatro Suq (compagnia multietnica che produce anche gli spettacoli di Don Gallo) con la rappresentazione “Gli stranieri portano fortuna” che ha ricevuto, come la stessa Cattedrale di Cosenza (location scelta non a caso), il patrocinio dell’Unesco e, ancora, la Piccola Banda Ikona che porta in scena il Sabir, una sorta di esperanto dei marinai del Mediterraneo. Nel mezzo, la bravissima artista italiana Tying Tiffany, che offre una lezione da manuale di attitudine post-punk in rotta di collisione con un muro di sonorità che rimandano alla prima wave elettronica e, oltre a un convegno sulla Cina e all’Invasione dei bambini, le performance di Dj Scratchy: non un deejay qualunque bensì il deejay che apriva i concerti dei Clash.
Da evidenziare, per la prima volta, l’inconsueto e appassionante matrimonio con il peperoncino Jazz Festival che avrà una sua sezione di svolgimento dall’11 al 15 luglio.
“Nonostante i tagli per la mancanza del finanziamento regionale – ha subito sottolineato il sindaco Mario Occhiuto ringraziando tutti i collaboratori a iniziare da Luca Ardenti - abbiamo ritenuto giusto continuare a mantenere Invasioni e la tradizione che questa manifestazione rappresenta. Il tema ispiratore è l’identità culturale ma pure l’Oriente, coi movimenti del Nordafrica che stanno reimpostando gli equilibri mondiali. Abbiamo dovuto ridimensionare i programmi iniziali a causa dei costi, altrimenti ci sarebbero stati ancora più fervori multietnici. Nel programma c’è un filo ispiratore molto studiato e pensato, che a me piace molto. E’ in linea con l’idea di apertura e di accoglienza che ha quest’Amministrazione. Noi – ha aggiunto il primo cittadino – abbiamo in mente una Cosenza che sia scenario di eventi, che utilizzi i suoi scenari naturali. Dopo un anno di governo, possiamo dire di avere, di nuovo, spostato finalmente il centro di interesse qui, specie da parte della provincia. Molti ci accusano di organizzare troppi eventi, ma non è che noi facciamo feste per fare feste. Realizziamo feste di piazza e di strada per muovere il commercio, attrarre le persone, mettere in circolo il confronto, l’economia, portare gente nel capoluogo”.
Il sindaco Mario Occhiuto ha approfittato della circostanza per anticipare che, a breve, come assicurato dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, sarà finanziato il Museo di Alarico a cui Luca Ardenti apporterà il suo contributo, e che presto sorgerà dove oggi sorge l’ex hotel Jolly (“Non ce ne siamo dimenticati – ha detto il Sindaco – abbatteremo questa struttura come più volte abbiamo annunciato e riqualificheremo l’area paesaggistica ora imbruttita da questo edificio”).
E da qui, dalla genesi di Invasioni, il responsabile del progetto ha dato il via al suo intervento: “L’apertura verso lo straniero è sempre stato il tratto distintivo della Festa delle Invasioni – ha affermato – il cui concept nasce originariamente sulla vicenda di Alarico e sulla metafora del tesoro nascosto che è ricchezza, diversità. Non fu, la nostra, 15 anni fa, una ricostruzione fatta a caso, perché si calava nel contesto di isteria del nostro Paese. I temi razziali venivano agitati da molte realtà politiche, e da lì è nato un percorso complesso e partecipato, per questo motivo non mi sono mai sentito direttore artistico di Invasioni, perché è un’esperienza collettiva, che fino al 2005 è sempre stata un grande contenitore delle esperienze cittadine. Secondo questa visione - ha aggiunto Ardenti – la cultura dev’essere dunque sviluppo di un territorio, persino quando non è portatrice di reddito immediato. La Festa delle Invasioni, in prospettiva, ha dimostrato quanto sia importante la coesione sociale. In questa edizione abbiamo ripreso dei tratti centrali che potessero riportare appunto alla precedente esperienza, a partire dai bambini, perché non c’è processo di rinascita che possa prescindere dai bambini. Nel cartellone degli spettacoli abbiamo cercato di riportare qualità e stimoli che si possono trasmettere a chi partecipa. La location degli spettacoli non è stata scelta a caso, e ogni spettacolo ha un suo perché”.
Presenti anche l’assessore alla Comunicazione Rosaria Succurro, la dirigente del settore Cultura Giuliana Misasi e Lucia Ambrosino della Città dei ragazzi, che curerà l’intrattenimento dei più piccoli.
 

Autore: Iole Perito

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Karol Mazzei piccola attrice cosentina
18-01-2019 -
Andrà in onda su Raiuno in prima serata il prossimo 22 gennaio Liberi di scegliere, un film ispirato ....
Mostra Multimediale su Leonardo Da Vinci a 500 ann
14-01-2019 -
A 500 anni dalla morte del genio più amato della storia universale anche la città di Cosenza ....
generazioni giovani 2018
08-01-2019 -
“Il Premio Speciale Ubu al Teatro dell'Acquario-Centro Rat è il riconoscimento ad una istituzione ....
un momento delle attività svoltesi al giardino inc
08-01-2019 -
Oltre 1500 bambini presenti, 500 libri donati e una assidua frequentazione dei laboratori attivati (creativi, ....
il pianista Andrea Bauleo e il soprano Silia Valen
07-01-2019 -
Unanime apprezzamento e un grande successo di pubblico hanno accompagnato l'anteprima della rassegna ....
03-01-2019 -
Canti della tradizione natalizia, canzoni napoletane e canzoni italiane del primo Novecento. È ....
Jole Santelli primo piano
02-01-2019 -
“Del Capodanno di Cosenza, del suo successo di pubblico e di gradimento, mi piace evidenziare non ....
un momento del balletto la bella addormentata
02-01-2019 -
Attesissimo appuntamento con “La Bella addormentata”, tra i capolavori ballettistici dell'ottocento, ....
Capodanno 2019_Piazza dei Bruzi
01-01-2019 -
“Ancora una volta ciò che ha caratterizzato la grande festa a cielo aperto della città ....

Eventi correlati

Data: 22-12-2018
Luogo: Museo Civico dei Brettii e degli Enotri
Data: 15-12-2018
Luogo: Museo Civico dei Brettii e degli Enotri

Immagini correlate

Teatro Rendano
- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - IBAN - Fatturazione Elettronica

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it