Comune di Cosenza

Consiglio comunale approva consuntivo: il dibattito

Teatro Rendano
Città di Cosenza
Notizie
Home Page » Canali » Archivi » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
.
Consiglio comunale approva consuntivo: il dibattito
24-04-2012

Prima del dibattito sul conto consuntivo, il consigliere Roberto Sacco ha chiesto la parola per richiamare l’attenzione del Consiglio sul grave episodio che, nella notte di sabato, ha coinvolto una famiglia cosentina la cui casa è stata devastata da un incendio. Solo la prontezza di un bambino di 10 anni, che si è svegliato ed ha eroicamente portato in salvo il fratellino e chiesto soccorso, ha evitato la tragedia. Il consigliere Sacco ha ringraziato quanti, fuori e dentro l’Amministrazione comunale, hanno risposto alla gara di solidarietà per soddisfare le prime esigenze della famiglia comunicando di aver distribuito a tutti i consiglieri una lettera per favorire anche il loro contributo.

Il Dibattito
Lino Di Nardo (PDL), Presidente della Commissione Bilancio, esprimendo in premessa il suo apprezzamento per la relazione attenta e competente dell’assessore Vigna, ha parlato di un consuntivo che “ha un background decennale” evidenziando come, successivamente al 1993, “quando c’era un consistente avanzo di amministrazione”, la situazione debitoria dell’ente sia andata incrementandosi. “In questi due decenni – ha detto - si è fatta politica indebitando le future generazioni”. Il capogruppo del PDL ha fatto un excursus delle previsioni di incasso, soffermandosi in particolare sugli oneri di urbanizzazione “non recuperati e non più recuperabili. Uno scandalo”. Nell’analisi del consigliere pidiellino su un bilancio che ha definito “ingessato” e quindi non a supporto dello sviluppo del territorio, anche la questione ammortizzatori sociali “camuffati da servizi, che non permettono alle amministrazioni di rispondere ai bisogni principali. Mi fa sorridere – ha detto - la demagogica richiesta di qualche collega per la stabilizzazione dei soci delle cooperative”.
Per Marco Ambrogio (PD) “i bilanci comunali sono sì fatti di numeri ma in politica si deve parlare di bilanci fatti di scelte. L’assessore ha dato delle cifre: 90 milioni di mutui pluriennali, 100 milioni di debiti verso fornitori, 2 milioni e mezzo di recupero iva. Questa ultima operazione ha avuto inizio nel 2010, con la precedente amministrazione”. Il consigliere del PD ha richiamato l’attenzione sulle consulenze dell’attuale Amministrazione, evidenziando di non aver ancora avuto le informazioni richieste e, infine, ha preannunciato sul consuntivo un voto di astensione “per coerenza, essendo questo bilancio ancora figlio della precedente Amministrazione. Non siamo la stampella di questa Amministrazione – ha precisato – ma andiamo avanti con una opposizione costruttiva”.
Pierluigi Caputo (Mario Occhiuto Sindaco) è intervenuto “a difesa dei diritti della mia generazione. Ci sono ingenti somme da recuperare – ha affermato - e dobbiamo sopperire a debiti ereditati da precedenti Amministrazioni incuranti del problema procurato soprattutto ai giovani. Bisogna invertire la rotta – ha concluso - razionalizzando le risorse e combattendo l’evasione. Bisogna puntare su progetti efficaci ed efficienti per la comunità, affinché si ottengano finanziamenti. È nostro dovere favorire tutte le azioni amministrative orientate allo sviluppo e alla crescita”.
Salvatore Perugini (PD) ha ribadito la posizione del PD sulla pratica “perché questo consuntivo – ha detto - per sei dodicesimi riguarda l’attività della precedente Amministrazione. Questo gruppo consiliare ha affrontato altre tre sessioni di bilancio: il preventivo 2011, gli equilibri a settembre e l’assestamento a novembre. Se una forza politica responsabile ed intellettualmente onesta su queste pratiche ha espresso la sua motivata astensione, non può che ribadire questo comportamento laddove si chiude il cerchio dell’approvazione di documenti di bilancio riferiti ad un medesimo esercizio finanziario”. Il capogruppo del PD fa poi un inciso sulle dichiarazioni “di alcuni gruppi politici di livello regionale che hanno inteso equiparare in un unico calderone la situazione debitoria del Comune di Reggio Calabria con quella delle altre città capoluogo. Si capisce – ha affermato Perugini - cosa politicamente si vuol dire o come si vuole scusare una situazione coinvolgendo indiscriminatamente altri enti locali. Ma il punto non è l’indebitamento dei Comuni, il tema è che a Reggio Calabria per alcuni amministratori è stata ipotizzata la perpetuazione di reati che poco hanno a che vedere con la posizione debitoria in quanto tale. Credo che questa precisazione sia doverosa farla in Consiglio non solo per amore di verità ma per dovere istituzionale di difendere una struttura amministrativa dell’ente che si assume le responsabilità che la legge le assegna, che si distingue per collaborazione e rispetto delle norme”. Sul bilancio il capogruppo del PD ha detto, rivolgendosi all’assessore, “qualunque amministratore che eredita l’amministrazione che c’è stata, come primo obiettivo deve porsi quello di non gravare ulteriormente lo stato della finanza dell’ente locale. Le situazioni debitorie non vanno aggravate ma bisogna cominciare a invertire la tendenza, nel contesto dato. Se volessi parlare della vecchia Amministrazione che ho guidato – ha aggiunto - potrei ricordare 5 milioni di euro di evasione fiscale recuperati, l’eliminazione della finanza creativa, non contraendo mutui che avrebbero impegnato le generazioni future. Mi congratulo per i due milioni e mezzo di iva recuperati, ma che sono susseguenti ad una inversione di tendenza che era già instaurata. Dobbiamo poi curare molto di più la politica delle entrate e, anche in questo, il bilancio di previsione dovrà avere un occhio molto vigile. Lì vedremo come far fronte, con una politica di responsabilità, all’incremento delle entrate. La verifica di quanto detto dall’assessore – ha concluso - la avremo tra qualche mese in fase di bilancio preventivo. Incrementare le entrate e accelerare la spending review, su questo faremo le nostre verifiche”.
Anche Luca Gervasi (UDC), ha posto l’accento sui debiti contratti dalle vecchie Amministrazioni, parlando di “sperpero di denaro pubblico di chi ci ha preceduto”. Il consigliere dell’UDC individua la strada da percorrere nella lotta all’evasione fiscale e nella verifica della propria spesa, per individuare le possibilità di risparmio”.
Maria Lucente (Gruppo Misto) ha sottolineato in premessa il suo essersi “sempre determinata sui fatti e con garbo istituzionale di aver mosso critiche, censure, così come evidenziato le buone pratiche, assumendo anche decisioni sofferte come le dimissioni dalla giunta Catizone e poi da quella Perugini. Azioni determinate non dalla mancanza di stima nei confronti delle persone ma dalla presa d’atto ragionata che la mia attività amministrativa confliggeva con un sistema consolidato di prassi organizzativa e gestionale vecchie, che non riusciva a rinnovarsi e a dare i risultati che ci si aspettava. Sui fatti, sui risultati e sui percorsi - ha dunque ribadito - continuerò ad esprimermi. Noi assessori precedenti abbiamo sempre evidenziato la situazione del bilancio. Ancora più a ritroso, nel 2004. L’allora assessore Cersosimo diceva che il rischio dissesto per i comuni era molto alto. Le cose non sono affatto migliorate negli anni. Quella passata è stata una Amministrazione che ha affrontato con coraggio un viaggio che si sapeva difficile. Puntare il dito oggi è un gioco piccolo, la verità è che da tempo i Sindaci sono considerati prestigiatori e costretti a dire tanti no. La filosofia espressa dall’assessore Vigna, che in Commissione ha detto che non si può fare troppo affidamento sul recupero quantitativo dell’evasione, alla domanda su come allora ci si attrezza, ha replicato che bisogna ridurre i costi, elencando una serie di servizi sociali, educativi che hanno ticket molto bassi, e che secondo lui andrebbero aumentati. Noi questo non l’abbiamo fatto, per precisa scelta politica. Ritengo che anche in questa situazione nazionale e locale, la coesione sociale sia da salvaguardare. Questa rimane per me una linea di demarcazione dalle scellerate politiche del centro destra che hanno affossato i Comuni”. Al termine dell’intervento, il consigliere Lucente ha preannunciato voto di astensione.
Andrea Falbo (UDC) ha ringraziato l’assessore Vigna “per aver preso in mano il settore, cercando con competenza e serietà di far quadrare i conti. La Commissione consiliare di venerdì sera – ha detto - è stata dettata da un presidente molto competente e un assessore che ci ha dato la possibilità di uscire da quella Commissione con la consapevolezza di ciò che oggi avremmo affrontato”. Da questo commento il consigliere Falbo è partito per lamentare un “difetto nella condivisione delle scelte, uno scollamento tra Sindaco/Giunta e Consiglio comunale, in particolare con la maggioranza. È singolare che in sede di approvazione di un documento contabile non ci sia stata una riunione di maggioranza, anche per dare solo qualche suggerimento”. Sul recupero dell’iva, il consigliere Falbo parla di una mera prassi procedurale, che non ha responsabilità politica ma dirigenziale. Un’ultima riflessione la fa poi sui pagamenti al Comune, non più possibili tramite conto corrente postale, suggerendo di evitare strade tortuose ai contribuenti cosentini.
Giovanni Cipparrone (SEL) ha commentato, non condividendola, l’astensione del Pd alla ‘volemose bene’, segnale – secondo il consigliere di Sel - di “una nuova maggioranza che si sta formando in questa città. Sel – ha ribadito - è parte integrante dell’opposizione e tale resterà per il resto della consiliatura. Dopo una puntualizzazione sulla opportunità che l’Amministrazione coinvolga la sala consiliare nei lavori di ristrutturazione che interessano Palazzo dei Bruzi, il consigliere di Sel ha affermato che “la relazione di Vigna ci fa capire come l’ente sia stato gestito violentemente negli ultimi anni. Prova ne è che i dirigenti di settore non hanno saputo recuperare nemmeno l’iva. Su Vigna – ha detto ancora - ho aperto una nota di credito per moralità e onestà e quando dice che nel prossimo futuro pretenderà che siano indette gare per i lavori pubblici, sono d’accordo. Si aboliscano i cottimi fiduciari. Voterò favorevolmente se entro fine serata avrò i documenti richiesti sui cottimi fiduciari, ritenendo che questa Amministrazione faccia l’interesse di pochi”.
Enzo Paolini (PSE) ha commentato negativamente le affermazioni che indiscriminatamente attribuiscono “la responsabilità della difficoltà di gestione, della pochezza della cassa a tutti quelli che sono venuti prima. Bisognerebbe essere più precisi e vi inviterei a salvarvi da questo luogo comune. Io e Occhiuto ci siamo candidati conoscendo benissimo le condizioni del Comune, diversamente saremmo stati degli irresponsabili. Salviamoci dal partito ‘a mia insaputa’, diamo almeno noi un taglio diverso. Allora bisogna essere precisi. Un conto è indebitarsi per un mese, un conto è indebitarsi per anni. Bisogna revisionare la spesa – ha aggiunto il consigliere Paolini - ma l’elemento che ci consente di dire se abbiamo speso bene o male, è la trasparenza e se non c’è quella la spending review serve davvero a poco. la trasparenza significa i cottimi fiduciari, l’attribuzione alle ditte degli incarichi diretti che ancora non sappiamo quali sono nonostante da un anno lo chiediamo. Noi non possiamo approvare un documento contabile, e non perché i conti non siano in ordine, ma perché qualunque siano i conti mi interessa che siano intellegibili e che mi convincano sul piano del metodo. Ed il metodo non mi convince”. Prima del voto, in fase di dichiarazione, il consigliere del PSE precisa la posizione annunciando una astensione, “non diamo alla pratica la dignità del voto contrario – ha dichiarato - perché significherebbe esprimere dissenso rispetto a qualcosa di cui si hanno risposte, che noi invece non abbiamo”.
Giovanni Quintieri (Lista Scopelliti) ha parlato di un bilancio che “non è solo una rappresentazione numerica, ma è una visione del mondo, il modo in cui questa Amministrazione vuole che la nostra città si evolva. Per sapere dove questa Amministrazione vuole andare, è giusto verificare dai dati di bilancio da dove proveniamo e dai numeri dell’assessore Vigna abbiamo valutato quello che in passato, evidentemente in maniera non corretta, si voleva fare e quale era il metodo utilizzato”. Il consigliere Quintieri attribuisce dunque all’assessore Vigna “un cambio di marcia nell’azione amministrativa, necessario per tentare di invertire una rotta pericolosa”, evidenziando quale primo elemento di discontinuità l’accertamento della “possibilità concreta di avere in cassa per decidere, dopo, come e quando spendere. Il vento è cambiato – ha affermato Quintieri – nel segno di una responsabilità di ordine politico-amministrativo che non può essere più una formula vuota ma un concreto esempio”. E che questa Amministrazione dia esempi di responsabilità, secondo il consigliere dell’UDC, lo dimostra il rispetto del Patto di stabilità, “nonostante – ha affermato – nei primi mesi dell’anno vi sia stato un dato assolutamente negativo, lascito della vecchia gestione amministrativa di almeno due milioni di euro in meno”. Ma che, per la vecchia politica, non ci sia più spazio – ha detto ancora Quintieri – lo chiede la gente che è disposta a fare sacrifici a patto che il sacrificio sia finalizzato ad una possibile ripresa. Lo stesso senso di responsabilità – è stata la conclusione del consigliere Quintieri – ci richiede una nuova consapevolezza: più che concentrarci sulle ragioni che hanno posto le basi di una situazione finanziaria a rischio, che pure vanno analizzate, dobbiamo immaginare uno sforzo comune per superare il momento che ricade su tutti”.
Giuseppe Mazzuca (PSE) ha dichiarato subito il voto non favorevole in risposta alla non condivisione delle scelte operate dall’amministrazione e cita, per ultima, quella relativa a nuovi consulenti. “Bisogna mantenerci nelle spese – ha affermato - e avere maggiore trasparenza negli atti. Bisogna dimostrare una vera buona volontà al cambiamento di tendenza.
Massimo Bozzo (UDC) ha espresso apprezzamento per l’assessore Vigna e la capacità che sta dimostrando nella gestione di bilancio e attività economiche. “ E’ stato bravo quando ha detto che lo stato dell’arte è una fotografia della irresponsabilità degli ultimi anni – ha affermato - nonostante abbiamo avuto assessori importanti al bilancio. E così i nostri figli, fino al 2036, pagheranno oltre 1000 euro per i debiti di questo Comune. Noi siamo riusciti a recuperare dell’iva, abbiamo ridotto le spese. Nelle Amministrazioni precedenti i tagli statali non producevano altrettanti da parte delle Amministrazioni. Parliamo in commissione controllo e garanzia - ha chiesto - di tutti questi residui che l’assessore Vigna ci ha suggerito”.

Prima del voto le conclusioni del Sindaco Mario Occhiuto, di sintesi e in qualche caso di replica rispetto agli interventi registrati, hanno testimoniato la volontà del primo cittadino a “non farsi trascinare in un clima di polemiche e di denunce. Si governa con il confronto – ha detto Occhiuto – e intendiamo farlo seguendo un nostro stile, e nel pieno rispetto delle leggi. La politica non è un ‘volemose bene’ ma non deve essere nemmeno quella dell’offesa personale solo perché si aspira ad una candidatura o ad una pagina sul giornale. Non cedo alla provocazione ma auspico per il futuro che si possa convergere su alcuni punti per il benessere della città”. La situazione è difficile - ha detto il Sindaco - ma dobbiamo anche dare un segnale di ottimismo ai cittadini. Dobbiamo dire che abbiamo chiuso con un avanzo di amministrazione, che abbiamo recuperato iva, che abbiamo alienato immobili, che siamo rimasti nel Patto di stabilità. Abbiamo preso dei consulenti, e sono pubblicati nel sito. Soprattutto non si può equivocare parlando di un consulente al bitume, che è solo un incarico professionale, e sotto soglia, come direttore dei lavori. I consulenti, che sono quelli del Sindaco, percepiscono molto di meno rispetto al passato. Dove è lo scandalo? Dobbiamo per forza fare populismo?” il Sindaco Occhiuto ha ringraziato, assessore in testa, quanti hanno lavorato per il bilancio consuntivo. “Ci siamo presentati a questo consesso - ha affermato - sempre senza puntare il dito contro il passato. L’assessore Vigna ha fatto una fotografia di quello che è stato ma guardando al futuro. Qui non siamo per trovare colpe rispetto a ciò che è stato, ma per governare il futuro, partendo da situazioni che esistono e che non sono ereditate solo dall’ultimo governo comunale. È vero – ha concluso -che il bilancio è molto ingessato ma possiamo fare politica in città anche attraverso i fondi strutturali che sono tanti. Anche se la minoranza ci fa le pulci su progetti che sono fondamentali per la città”.
 

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

consiglio comunale novembre 2013
18-04-2014 -
Si presenta puntuale, alla scadenza di bilancio di fine aprile, il Consiglio comunale di Cosenza che ....
15-04-2014 -
“L’arresto del pericoloso latitante preso la notte scorsa a Corigliano conferma la vigile ....
foto sindaco occhiuto
03-04-2014 -
Prosegue senza sosta il processo di re-ingegnerizzazione della manutenzione ordinaria del Comune di Cosenza ....
Restyling Palazzo di Città
31-03-2014 -
Il restyling del palazzo di Città, tra i più importanti edifici architettonici del territorio ....
28-03-2014 -
E’ stato approvato questa mattina all’unanimità in Commissione Bilancio, Personale ....
Occhiuto conferenza di fine anno 2013
17-03-2014 -
Il sindaco Mario Occhiuto annuncia che, per quanto consentito dalle proprie funzioni, si attiverà ....
Massimo Bozzo consigliere comunale
17-03-2014 -
“Dopo le presenze record registrate nella giornata di domenica, sulla Fiera di San Giuseppe a mio ....
Sindaco Occhiuto e Mons. Nunnari
15-03-2014 -
Con una visita al sindaco Mario Occhiuto è stato il vescovo in persona, monsignor Salvatore Nunnari, ....
Palazzo di Città
05-03-2014 -
“Pur non amando fare politica attraverso denunce, mi sono ritrovato costretto a depositare un esposto ....

Eventi correlati

Dal 28-04-2012
al 29-04-2012
Luogo: Telitalia
Data: 15-04-2012
Luogo: Telespazio Calabria
- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Cosenza è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata   IBAN

Piazza dei Bruzi, 1 - 87100 Cosenza - Telefono +39.0984.8131 +39.0984.813217

Partita Iva: 00314410788 - Codice Fiscale: 00347720781

Il progetto Comune di Cosenza è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it